SABATO 04 APRILE 2015, 002:30, IN TERRIS

FRANCIA, DAL PARLAMENTO STOP ALLE MODELLE TROPPO MAGRE

Nella capitale della moda anche la politica si schiera per difendere le curve naturali e soprattutto per combattere l'anoressia

CLAUDIA GENNARI
FRANCIA, DAL PARLAMENTO STOP ALLE MODELLE TROPPO MAGRE
FRANCIA, DAL PARLAMENTO STOP ALLE MODELLE TROPPO MAGRE
Se fino ad oggi quello della lotta alla magrezza eccessiva sembrava solo un trend, la Francia dice basta alle modelle-scheletro in nome della difesa della salute fisica e psicologica di giovani e giovanissime in maniera decisa. Infatti l’Assemblea nazionale ha approvato oggi un emendamento alla riforma del sistema sanitario che prevede il divieto per le agenzie di modelle di far sfilare nel Paese ragazze troppo sottopeso.  Ieri era arrivato il via libera di un altro emendamento, proposto sempre dal deputato socialista Olivier Veran, che vuole arginare la diffusione dei siti web pro-anoressia, e se il governo plaude alla decisione, le agenzie di casting sono già sul piede di guerra.

Il testo approvato oggi prevede che le agenzie siano obbligate a provare, con un certificato siglato da un medico del lavoro abilitato, che le ragazze che ingaggiano per defile’e e servizi fotografici abbiano un indice di massa corporea (Bmi) superiore alla soglia di denutrizione, fissata a 18 dal ministero della Sanità francese. Per chi non rispettasse l’obbligo, è prevista una un’ammenda fino a 75 mila euro e fino a 6 mesi di prigione. “La Spagna l’ha già fatto, l’Italia l’ha già fatto, Israele ha preso delle misure, è il momento che anche la Francia faccia qualcosa”.

Il secondo emendamento prevede invece l’introduzione di un reato di “promozione della magrezza eccessiva”, con lo scopo di vietare tutti quei siti detti “pro-ana”, che fanno l’apologia dell’anoressia, del rifiuto del cibo e del culto ossessivo del corpo magro. “È intollerabile che si possa fare apologia della denutrizione”, ha spiegato Veran ricordando che in Francia sono tra le 30 e le 40mila le persone che soffrono di anoressia. Mentre l’iniziativa ha colto il favore del ministro della Sanità, Marisol Touraine, che sottolinea che anche le ragazze del mondo della moda “devono mangiare e prendersi cura della propria salute”, critiche arrivano dalle agenzie francesi di casting, secondo cui una misura simile presa da un singolo Paese avrà un impatto limitato, perché spingerà stilisti e riviste a rivolgersi ad agenzie straniere.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel