DOMENICA 23 DICEMBRE 2018, 00:02, IN TERRIS

Cristo ci vuole persone felici

MONS. ANTONIO INTERGUGLIELMI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Maria ed Elisabetta
Maria ed Elisabetta
S

tiamo vivendo l’ultima domenica d'Avvento, un momento di grazia, perché ancora una volta il Signore nella Sua bontà e misericordia ci dona una possibilità di convertirci, di lasciare le nostre ragioni e i nostri piani, per affidarci ai suoi disegni d’Amore. Come fanno Maria ed Elisabetta: si sono affidate all’annuncio ricevuto. Questo fidarsi ha fatto spazio, nel loro grembo, ai disegni di amore del Signore. Questi disegni sono per ciascuno di noi e in questo Natale il Signore viene ancora una volta a “chiederci il permesso” di realizzarli. Il tempo di preparazione al Natale, che si sta concludendo con questa domenica, ci aiuta a rispondere all’invito del Signore: “vegliate”, cioè non vivete da sciocchi, cercando solo di realizzare i vostri piani di felicità, preoccupati solo di accumulare vane consolazioni, cercando di passare di vacanza in vacanza, magari aspettando solo un’occasione per “evadere”, per non pensare.

La vita ci è stata donata per qualcosa di più importante e di più profondo di questo: non sprechiamola, perché ogni giorno abbiamo l’occasione per entrare nella ricchezza vera, di incontrare il senso profondo della nostra vita. Questo tempo di Avvento dunque porta con sé questa Grazia: poterci rinnovare nel profondo. Un’occasione per ricominciare a vivere con Sapienza. Il Signore di nulla più si rallegra che di vederci felici; per questo ci aiuta ad entrare nella verità, e talvolta lo fa anche correggendoci. Quando vede che ci stiamo perdendo, ci manda fatti per svegliarci, mai per punirci: se sappiamo leggerli con i suoi occhi, ci accorgeremo che dietro ogni avvenimento della nostra vita, anche quelli più difficili da capire o da accettare, è nascosto un disegno di Salvezza.

E allora affidiamo tutto a Lui, viviamo il Natale vero, la nostra rinascita nello Spirito di Cristo: nessun regalo più bello di questo potremo ricevere, perché niente vale più della Pace nel cuore. Chiediamo quella fiducia che ci testimoniano la Vergine Maria e Santa Elisabetta; è l’abbandono ai Suoi disegni che permette a Dio di fare breccia nei nostri cuori e a noi di ricominciare ad essere uomini e donne che portano una “pienezza di vita”, ad essere persone felici.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua