SABATO 11 LUGLIO 2015, 000:25, IN TERRIS

SREBRENICA, 20 ANNI DAL MASSACRO

CLAUDIA GENNARI
SREBRENICA, 20 ANNI DAL MASSACRO
SREBRENICA, 20 ANNI DAL MASSACRO
È nelle giornate come oggi, quelle che ricordano un massacro, che la memoria si deve risvegliare, per rendere vigile la coscienza. Esattamente 20 anni fa, a Srebrenica, in Bosnia Erzegovina, ottomila uomini e ragazzi musulmani furono uccisi dalle forze armate serbo-bosniache dopo un’offensiva durata cinque giorni. E’ stata la più grave strage commessa in Europa dopo la seconda guerra mondiale.

L’11 luglio del 1995, negli ultimi mesi della guerra dell’ex Jugoslavia, le milizie conquistarono l’enclave di Srebrenica, dove si erano rifugiati migliaia di profughi – in gran parte musulmani – fuggiti dalla pulizia etnica in corso nella Bosnia orientale. La città era considerata dalle Nazioni Unite una zona di sicurezza. Ma così non è stato. L’esercito guidato dal generale Ratko Mladic e i gruppi paramilitari ultranazionalisti provenienti dalla Serbia conquistarono la città: separarono uomini e ragazzi dalle donne e procedettero con esecuzioni di massa, seppellendo i corpi in varie fosse comuni. Secondo le stime, in pochi giorni morirono più di ottomila persone. I 600 caschi blu olandesi posti a difesa dell’area non intervennero.

Nel marzo 2007 il Tribunale penale internazionale dell’Aja dispose l’arresto di Radovan Karadzic, ex leader politico dei serbi di Bosnia, e di Ratko Mladic, con l’accusa di crimini di guerra e genocidio. Ora sono entrambi detenuti all’Aja, mentre il processo per genocidio di Srebrenica è ancora in corso.

A rendere più drammatica la situazione c’è che di mille persone non sono mai stati ritrovati i corpi, e ancora oggi nelle campagne e nei boschi intorno alla città bosniaca emergono resti delle vittime. Della devastante guerra dell’Ex-Jugoslavia comunque è proprio la Bosnia-Erzegovina ad averne pagato più di tutti il peso della separazione. Sarajevo, la capitale ricca di storia e d’arte, porta ancora i segni del conflitto. I suoi palazzoni mostrano ancora cicatrici dell’assedio: buchi di proiettile, segni delle granate.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel