LUNEDÌ 08 GIUGNO 2015, 11:35, IN TERRIS

TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO PER I DISTURBI ALIMENTARI, I GENITORI DICONO SÌ

Il Coordinamento nazionale delle associazioni di familiari di malati Dca, appoggia la Legge Moretto sul Tso obbligatorio nei casi gravi di bulimia e anoressia

MILENA CASTIGLI
TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO PER I DISTURBI ALIMENTARI, I GENITORI DICONO SÌ
TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO PER I DISTURBI ALIMENTARI, I GENITORI DICONO SÌ
“Siamo assolutamente d’accordo con la proposta di legge Moretto sul trattamento sanitario obbligatorio (Tso) nei casi gravi di anoressia e bulimia, e la sosterremo in ogni modo”. E’ questa la posizione espressa da Stefano Bertomoro, presidente del Coordinamento nazionale delle associazioni di familiari di malati di disturbi del comportamento alimentare (Dca). Nato a novembre scorso, il Coordinamento, che ha sede a Parma, raggruppa al momento le associazioni di sei regioni: Emilia Romagna, Veneto, Friuli, Puglia, Toscana e Calabria.

In una recente intervista, Bertomoro racconta che anche sua figlia, a 16 anni, si ammalò improvvisamente di anoressia. Smise di mangiare, perse rapidamente peso e rischiò di morire. A salvarle la vita fu, quella volta, il ricovero forzato di oltre 6 mesi nel centro di riferimento per la cura e la riabilitazione dei Dca di Portogruaro. “Ad aprile è stata dimessa, ma è sempre sotto controllo psicologico e deve far uso di alcuni medicinali. Se avesse avuto 18 anni - ragiona oggi Bertomoro – mia figlia avrebbe firmato e sarebbe uscita”.

Anche grazie a storie come questa, il Coordinamento delle associazioni dei familiari si impegna a sostenere la proposta di legge della deputata Sara Moretto che, se accolta, estenderebbe il trattamento sanitario obbligatorio (già previsto dalla legge 833/78) ai casi gravi di Dca. Una proposta che trova favorevoli diversi medici specialisti nel trattamento pubblico dei disturbi alimentari, come Armando Cotugno, direttore programma Dca Roma, e Pierandrea Salvo, direttore del centro di Portogruaro.

“C’è tanta ignoranza diffusa” commenta Bertomoro, “E c’è chi lucra sul problema, ancora poco conosciuto”. Per questo, tra le iniziative del Coordinamento, ci sono gli interventi nelle scuole e la realizzazione di un opuscolo per medici di base di tutta Italia affinché siano preparati e sappiano orientare i pazienti presso servizi e centri specializzati. “Porteremo il tema del trattamento sanitario obbligatorio in tutti i convegni – promette Bertomoro -, in Italia e all’estero. Siamo in contatto con diverse associazioni di altri Paesi europei per confrontarci continuamente su queste problematiche”. In procinto di attivazione anche un sito web e una pagina Facebook per dare spazio alla discussione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"