SABATO 13 AGOSTO 2016, 000:12, IN TERRIS

IL PAPA ACCANTO ALLE SCHIAVE DELLA PROSTITUZIONE

AUTORE OSPITE
IL PAPA ACCANTO ALLE SCHIAVE DELLA PROSTITUZIONE
IL PAPA ACCANTO ALLE SCHIAVE DELLA PROSTITUZIONE
E' stata una visita inaspettata e straordinaria. Papa Francesco ha scelto di trascorrere oltre un'ora accanto alle donne più dimenticate al mondo, quelle di cui si usa il corpo e poi li si getta nell'abisso della solitudine. Era tutta colorata di azzurro l'aula dei gruppi parlamentari di Montecitorio lo scorso 13 luglio. Gli scout di Pistoia, città natale dell'On. Bini, prima firmataria della proposta di legge che prevede sanzioni per chi acquista sesso a pagamento, quest'azione contro lo sfruttamento della donna l'hanno presa sul serio e con musica e canto hanno voluto raccontare della loro esperienza di primo contatto delle vittime sulle strade di Pistoia avvicinandole per chiedere non "quanto costi?" ma "quanto soffri?" alla maniera di don Oreste Benzi.

Era il 2004 quando Benzi diede inizio ad una raccolta di firme d'iniziativa popolare per ribadire la complicità del cliente, con la collaborazione di cantanti del calibro dei Nomadi, una cassa di risonanza speciale quale il tour di Zelig e coinvolgendo associazioni, gruppi, movimenti di tutta Italia. Da allora la Comunità non si è mai arrestata nella ricerca di alleanze nel mondo politico, sociale e dello spettacolo.

Rifacendosi al modello nordico raccomandato nella risoluzione del Parlamento europeo 2013/2103 (INI) ovvero alle politiche che, di recente anche in Francia, colpiscono chi acquista prestazioni sessuali a pagamento considerando invece le donne prostituite vittime di un mercato del sesso che ostacola la parità di genere violando la dignità della donna, l'atto 3890 della Camera dei Deputati propone la revisione di quella conosciuta come “legge Merlin”.

L'on Caterina Bini – firmataria insieme ad altri 33 deputati appartenenti a diversi gruppi politici – da Alleanza nazionale al Pd, dal Movimento 5 stelle a Forza Italia - ha sottolineato che questa è l'unica via per sradicare il fenomeno della tratta anche in Italia: «Il capoverso che vogliamo aggiungere alla Legge Merlin è molto semplice – ha spiegato – ma la battaglia è dura perché sono tante le proposte di legge che invece in Italia propongono la legalizzazione o regolamentazione della prostituzione». Anche l'On. Gianluigi Gigli, firmatario di un'altra proposta che va nella stessa direzione, presentata nel luglio 2014, ha garantito l'intenzione di unire le forze per un maggior successo nell'audizione alla Camera, correggendo quel «falso culturale dietro le proposte di legalizzazione della prostituzione perché Olanda e Germania smentiscono che ci siano utili per lo Stato e che si sia ridotta la tratta!».

Chi ha chiarito meglio di tutti l'urgenza di ripartire dal principio del fondatore dell'Associazione – «Se non ci fosse la domanda, non ci sarebbe nemmeno l'offerta» –, è stata S., la giovane rumena venticinquenne sopravvissuta alle violenze di sfruttatori e clienti. «Non chiamiamoli clienti ma persone disumane!» ha ribadito senza mezzi termini a Roma. Gli uni l'hanno picchiata e persino reciso parte dell'orecchio, gli altri l'hanno acquistata come carne di macelleria persino quando, piangente, saliva nelle loro auto, trascinandosi col suo corpo visibilmente debilitato. Per questo a Palazzo Montecitorio il 13 luglio ha ribadito l'importanza di una legge che sanzioni gli acquirenti delle prestazioni sessuali, ridando il giusto nome a quello che per lei e per la stragrande maggioranza delle donne prostituite su strada, «non è un lavoro ma una tortura!» con tutte le caratteristiche di sopraffazione fisica o psicologica o di minaccia ai familiari nel paese di origine, che la storia delle torture racconta.

Anche Giovanni Ramonda, il Presidente dell'Associazione, ha sottolineato con fermezza che «oltre ad incontrare le vittime di tratta sulle strade italiane da 25 anni insieme a tanti giovani, vogliamo anche che chi fabbrica le croci smetta di fabbricarle». Ha ribadito infatti che occorre dare il giusto nome ai fenomeni e oggi nell'era di il popolo che entra in contatto con la miseria della donna, "merce d'acquisto" di nuovo e con coraggio alzano la voce, insieme alle vittime. internet la dipendenza sessuale si diffonde in maniera esponenziale. «Lo sfruttamento sessuale non è una questione solo italiana!

Anche all'Onu siamo presenti con la nostra portavoce Mara Rossi proprio per ricordare che la prostituzione è il principale scopo della tratta di esseri umani. L'industria sessuale e la pedopornografia vanno combattute unendo le forze!». Dodici anni dopo il tentativo di don Oreste di far emergere il volto di quella Italia che dice «No» alla mercificazione della donna, la Comunità Papa Giovanni XXIII e tutto il popolo che entra in contatto con la miseria della donna, "merce d'acquisto" di nuovo e con coraggio alzano la voce, insieme alle vittime.

Tratto da Sempre

 

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone
Un frame del film
CINEMA

"Augustine", la vita di Sant'Agostino diventa un film

Grande produzione internazionale tra Algeria e Tunisia diretta da Samir Seif
La bandiera olimpica
OLIMPIADI INVERNALI

Cio: "Le due Coree sfileranno sotto un'unica bandiera"

Ratificato a Losanna l'accordo stipulato tra Seul e Pyongyang per i Giochi di Pyeongchang
Il sindaco di Cerignola, Franco Metta
CERIGNOLA

Il Sindaco ai malavitosi: "Siete quattro vigliacchi"

Su Facebook la video-denuncia: "Non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine"
Il Senato americano, Washington
USA

Senato respinge il bilancio di governo, è shutdown

La replica della Casa Bianca: "La responsabilità è dei Democratici"
Olimpiadi 2018 in Corea del Sud
OLIMPIADI 2018

La Corea del Nord cancella i sopralluoghi al Sud

Kim Jong-un annuncia una parata militare l'8 febbraio
Il cantante Bob Dylan
TOUR ITALIANO

Dylan annuncia tre nuove date dopo il tutto esaurito

Genova, Jesolo e Verona le tappe. Biglietti già in vendita
La linea 80 di Milano
MILANO

Aggredito sul bus da adolescenti, reagisce e ne accoltella uno

Il ferito, un 17enne, non è in pericolo di vita
Un particolare dell'arazzo di Bayeux
ELISEO

Dopo 950 anni l'arazzo di Bayeux potrebbe lasciare la Francia

Ritrae la Battaglia di Hastings e racconta la conquista normanna dell'Inghilterra