GIOVEDÌ 25 GIUGNO 2015, 000:05, IN TERRIS

DROGA ONLINE AI NOSTRI FIGLI

LUCA LA MANTIA
DROGA ONLINE AI NOSTRI FIGLI
DROGA ONLINE AI NOSTRI FIGLI
Internet e la droga: un binomio ad alto rischio. Lontano dalle strade e dai capillari controlli delle forze dell'ordine, fra i meandri della rete, il narcotraffico mette a segno gli affari migliori. L'allarme è contenuto nella Relazione Annuale 2014 curata dalla Direzione Centrale Servizi Antidroga, diretta dal generale Sabino Cavaliere. "E` quanto mai necessario - sottolinea il documento - un controllo attento da parte delle famiglie, della scuola, delle associazioni sull'impiego idoneo di questa preziosa risorsa, che si presta facilmente ad un uso illegale. Non si contano, infatti, i siti residenti all'estero che mascherano la commercializzazione di sostanze potenzialmente nocive con richiami a prodotti ritenuti di uso comune". Il web è sempre più un inferno virtuale, difficile da regolamentare, quasi impossibile da monitorare in toto. E nei tanti angoli bui di questo mondo sommerso pusher e clienti entrano facilmente in contatto, attraverso canali spesso imperscrutabili che li rendono invisibili. A facilitare il tutto c'è il ricorso alla valuta virtuale: carte di credito prepagate o i controversi bit coin. Uno schiaffo ai controlli.

Modalità di pagamento evanescenti, che assicurano l'anonimato. In queste zone d'ombra non sempre le guardie riescono ad acchiappare i ladri, i quali proseguono indisturbati i loro affari. Per arginare il fenomeno la polizia chiede uno sforzo collettivo. Non basta avere a disposizione strumenti di controllo sempre più sofisticati, per vincere la battaglia contro il commercio online degli stupefacenti occorre "un coinvolgimento della società civile a tutti i livelli. E` necessaria una crescita della consapevolezza circa la minaccia che colpisce specie le fasce giovanili che, tra l'altro erroneamente, ritengono non così pericolose le droghe di origine sintetica". Che invece sballano e uccidono, non solo i cosiddetti "soggetti a rischio" ma anche ragazzi normali. Basta un dosaggio sbagliato, un nanogrammo in più o in meno di una sostanza e un bicchiere di troppo per mietere una vita.

E mentre il web diventa il nuovo terreno di scontro fra legalità e crimine nel mondo reale la guerra non è ancora vinta. Basta leggersi i numeri dei sequestri per capirlo. Nel 2014 sono stati sottratti alla malavita 152 tonnellate di droghe e 29.474 persone sono finite in manette. In 2.776 appartenevano ad associazioni a delinquere o di stampo mafioso, quindi ai grandi cartelli che commerciano e spacciano nelle nostre città e usano l'Italia come crocevia "del narcotraffico internazionale". Specialmente per quanto riguarda le rotte marittime, i cui approdi registrano ben il 98,83% del totale di stupefacenti sequestrati alle frontiere con un incremento del 3% rispetto al 2013. A crescere sono stati soprattutto i sequestri di hashish (+211,29%), marijuana (+15.93%), eroina (+5,30%) e droghe sintetiche in dosi (+23,99%). Scendono, invece, quelli di cocaina (-21,90%), narcotici sintetici in polvere (-56,32%), Lsd (-21,21%) e piantine di cannabis (-86,41%).

Circa un terzo dei responsabili degli illeciti traffici che alimentano il mercato interno della droga "è rappresentato da compagini criminali estere - si legge ancora nel rapporto - spesso joint venture con i sodalizi italiani per meglio rispondere alle particolari esigenze del narcotraffico". Oltre la metà dei 10.585 stranieri denunciati nel 2014 per violazione della normativa in materia di stupefacenti è ancora concentrata prevalentemente nelle regioni del nord e nel Lazio. Le etnie estere maggiormente coinvolte sono quelle provenienti dal Marocco, dall'Albania, dalla Tunisia e dalla Nigeria. Persone molte volte sfruttate e schiavizzate dalla mala per portare ai nostri figli tutta roba che fa "male". E quasi sempre uccide.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano