Brasile, a Florianopolis fiorisce “l’albero della salute”

L'altruistica iniziativa di un commerciante residente nella capitale dello Stato brasiliano di Santa Catarina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

In questo periodo in cui la pandemia da coronavirus ha messo in ginocchio tutto il mondo, ci siamo spesso trovati di fronte a situazioni che hanno visto esplodere prepotentemente atti di solidarietà.

I “frutti” degli alberi

Per aiutare i più poveri, una commerciante, Maritza Fabiane, residente nella città di Florianopolis, capitale dello Stato brasiliano di Santa Catarina ha avuto un’originale idea: appendere delle mascherine ai rami degli alberi. Sull'”Albero della Salute“, come è stato ribattezzato, insieme alle mascherine vengono appesi cuori di carta e messaggi di affetto e prevenzione dal Covid-19. La donna ha già donato più di 200 mascherine ad almeno quattro baraccopoli e occupazioni abusive. “Ho iniziato nella piazza di fronte casa mia e la gente ha chiesto di farlo in altre comunità vicine. Ora lo faccio qui due volte la settimana. Ho intenzione di fare la stessa cosa anche di fronte al pronto soccorso, dove c’è un bellissimo albero e ho notato che molte persone entrano senza mascherine”.

I volontari

La commerciante ha raccontato la sua iniziativa al portale di notizie G1. Sono tante le persone che hanno deciso di seguire il suo esempio e il suo buon cuore e attivarsi per compiere quello che all’apparenza può sembrare un piccolo gesto, ma che in realtà può contribuire a salvare molte vite. Infatti, alcune persone hanno deciso di aderire all’iniziativa di Maritza per garantire la distribuzione a quante più persone possibili delle mascherine, dispositivo di protezione individuale il cui uso è diventato obbligatorio nei negozi e in alcuni luoghi pubblici di Florianopolis.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.