Ecco come il lavoro agile ha conquistato gli italiani

Come cambia il mondo del lavoro con la pandemia, comprese le scuse e i trucchetti messi in campo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:52
smart working

Fino all’arrivo del Covid erano in pochi, in Italia, a sapere cosa fosse lo smart working. Ancor meno, probabilmente, erano coloro che lo praticavano. Con l’arrivo della pandemia e la necessità di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro, il cosiddetto “lavoro agile” ha conosciuto nel nostro Paese un vero e proprio boom.

I dati raccolti dall’Osservatorio sullo Smart Working del Politecnico di Milano sono significativi: gli smart worker italiani erano circa 570 mila nel 2019. Sono poi balzati ad oltre sei milioni e mezzo durante il primo lockdown. La cifra si è ora stabilizzata sui 5,35 milioni di lavoratori a distanza.

Le scuse digitali al tempo della pandemia

La pandemia, insomma, ha avuto l’effetto di incentivare il lavoro da casa. Parallelamente, però, sarebbero cresciute anche le cosiddette “scuse digitali“, ovvero le giustificazioni che vengono messe in campo dai lavoratori nel nuovo contesto generale. Secondo un sondaggio riportato dal sito Ansa.it, il 66 per cento di queste “scuse digitali” riguarda l’insufficienza della connessione, o il 67 per cento degli intervistati che per eludere una domanda mettono il microfono in modalità “mute”. Ci sono poi quelli che utilizzano sfondi fantasiosi o di dubbio gusto per nascondere il caos del proprio appartamento, quelli che raccontano che i rumori di sottofondo sono dovuti al partner o ai vicini rumorosi, o ai corrieri che – secondo chi si giustifica – citofona sempre nelle nostre case nel momento meno opportuno.

Il lato positivo dello smartworking

Significativa la dichiarazione di quel 72 per cento degli intervistati che dichiara di spegnere la telecamera durante le videochiamate per non farsi vedere in pigiama o con vestiti poco presentabili. Al di là di queste scuse curiose, sembra comune il convincimento di chi apprezza l’arrivo dello smart working, in particolare per l’incremento della produttività del lavoro che si svolge on line. L’auspicio è che, terminata la fase di questa dolorosa pandemia e tornati finalmente ad una normalità, si possa invece trattenere questa esperienza positiva con tutte le sue prospettive di sviluppo e di qualità della vita.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.