Udienza, Papa sugli abusi in Francia: “Questo è il momento della vergogna!”

Il Papa ha commentato nell'udienza generale il rapporto sugli abusi sessuali in Francia. "La chiesa sia una casa sicura per tutti"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40

E’ cominciata in Vaticano, nell’Aula Paolo VI, l’udienza generale di Papa Francesco, la prima da quando – il 1 ottobre – sono entrate in vigore le regole sul Green pass nella Santa Sede, obbligatorio per tutti i dipendenti e per tutti coloro che accedono a qualsiasi titolo nel piccolo Stato.

Per l’incontro in Aula Nervi, al quale partecipano come ogni mercoledì alcune migliaia di persone, non è stato chiesto il Green pass. L’udienza è di fatto una catechesi aperta con una lettura biblica e chiusa da una preghiera ed è quindi “assimilabile ad una celebrazione liturgica”, spiegano fonti vaticane; gli atti di culto in basilica vaticana sono infatti tutti esenti dal Green pass.

Papa : “La libertà è un tesoro che si apprezza quando la si perde”

“La libertà è un tesoro che si apprezza realmente solo quando la si perde. Per molti di noi, abituati a vivere nella libertà, spesso appare più come un diritto acquisito che come un dono e un’eredità da custodire. Quanti fraintendimenti intorno al tema della libertà, e quante visioni differenti si sono scontrate nel corso dei secoli!”, ha esordito il Papa nell’udienza generale proseguendo le catechesi sulla Lettera di San Paolo ai Galati. “E’ faticoso rimanere liberi! Coraggio! La Croce ci dà la forza”, ha aggiunto il Pontefice a braccio.

“Questo è il momento della vergogna!”. Così il Papa ha commentato il rapporto sugli abusi sessuali in Francia. “Chiedo ai sacerdoti di prendersi la propria responsabilità. La chiesa sia una casa sicura per tutti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.