Bicchierini di riso venere e pesce spada, l’antipasto si fa arte

Il riso venere, con il suo insolito color ebano è perfetto per piatti di grande effetto sia caldi che freddi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:00
Riso venere con pesce spada in bicchiere

Il riso venere, con il suo insolito color ebano, la fragranza aromatica e la consistenza tipica del riso integrale, lo rendono un ingrediente perfetto per piatti di grande effetto sia caldi che freddi. Oggi lo presentiamo come antipasto di mare con il pesce spada, il tutto presentato in…bicchiere.

Gli strati di riso nero si alternano a una crema speziata dalle tinte verdi che viene impreziosita con teneri dadini di pesce spada al profumo di limone e menta. Servendo i bicchierini di riso venere e spada in contenitori monoporzione trasparenti, il contrasto cromatico sarà subito visibile e invoglierà i vostri ospiti ad affondare il cucchiaino per andare alla scoperta di un conturbante gioco di sapori e colori… che trasforma la cucina in arte!

INGREDIENTI PER 10 BICCHIERINI (DEL DIAMETRO DI 6,5 CM)
Riso nero Venere 200 g
Pesce spada 250 g
Scorza di limone 1
Olio extravergine d’oliva q.b.
Pepe nero q.b.
Sale fino q.b.

INGREDIENTI PER LA CREMA DI PORRI E BASILICO
Porri 100 g
Zenzero fresco 20 g
Basilico 15 g
Olio extravergine d’oliva 30 g
Sale fino q.b.

PER GUARNIRE
Menta q.b.
Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione del riso venere

Per preparare i bicchierini di riso venere e spada, per prima cosa versate il riso in abbondante acqua salata e cuocete per circa 40 minuti. Nel frattempo sbucciate lo zenzero e tagliatelo a pezzi grossolani, poi mondate il porro e tagliatelo a rondelle.

Scaldate un filo d’olio in un pentolino e fate soffriggere il porro e lo zenzero per pochi minuti. Trasferite il soffritto in un bicchiere alto e stretto, unite le foglie di basilico che avrete precedentemente lavato e asciugato e i 30 g di olio.

Frullate con un frullatore a immersione fino ad ottenere una consistenza liscia e omogenea, poi aggiustate di sale.

Ora passate alla preparazione del trancio di pesce spada: eliminate la pelle 10 e tagliatelo prima a striscioline e poi a dadini.

Scaldate un filo d’olio in una casseruola, aggiungete i dadini di pesce spada e fateli saltare per circa 5 minuti a fuoco vivace, insaporendo con la scorza di limone grattugiata, sale e pepe.

Quando sarà trascorso il tempo di cottura del riso, scolatelo e versatelo in una ciotola, poi conditelo con un filo d’olio e una macinata di pepe e mescolate bene. A questo punto potete assemblare il vostro antipasto: noi abbiamo utilizzato dei bicchierini di vetro del diametro di 6,5 cm.

Mettete alla base un primo strato di riso venere, coprite con un cucchiaino di crema di porro e basilico e aggiungete qualche dadino di pesce spada, poi ultimate con un altro strato di riso venere.

Infine, guarnite con un filo d’olio in superficie e con qualche fogliolina di menta fresca: i vostri bicchierini di riso venere e spada sono pronti per essere serviti tiepidi o a temperatura ambiente!

Conservazione

I bicchierini di riso venere e spada si possono conservare in frigorifero per un giorno al massimo, coperti con pellicola trasparente.

Il consiglio

In aggiunta ai bicchierini di riso venere e spada, scrive Giallo Zafferano, potete realizzare una versione “bianca e rossa” con riso basmati e una deliziosa salsa di pomodoro!

Il vino

I vini consigliati con il pesce spada, sia che venga cotto in padella, sia che venga fatto alla griglia, sono bianchi, giovani, freschi e minerali, con sfaccettature olfattive agrumate ed erbacee. Inside Wine sceglie il Verdicchio di Matelica, che si caratterizza per la spinta acido-sapida e per un tessuto aromatico giocato sui sentori di frutta e fiori arricchiti da note di finocchietto, menta, tè verde, nocciola e anice. Ma tutta l’Italia offre ottime possibilità di scelta dal Collio Ribolla Gialla friulana al Greco di Tufo campano, dalla Vernaccia di San Gimignano toscana al TrendoDOC.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.