Aperitivo di cozze gratinate: i mitili protagonisti in tavola

I mitili - o cozze - vengono chiamati comunemente in Italiano regionale anche muscoli, peoci, pedoli, móscioli a seconda della zona geografica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:29

I mitili – o cozze – vengono chiamati comunemente in Italiano regionale anche muscoli, peoci, pedoli, móscioli a seconda della zona geografica. È un mollusco lamellibranco, dotato cioè di branchie a lamelle che assorbono l’ossigeno per la respirazione e che trattengono contemporaneamente il cibo per l’alimentazione, costituita soprattutto da plancton e particellato organico in sospensione. La distribuzione naturale del mitilo mediterraneo comprende tutte zone ove vi siano scogli, emersi o sommersi, in tutto il Mediterraneo, il Mar Nero e la fascia costiera dell’Atlantico orientale, dal Marocco alle Isole Britanniche.

Tante ricette gustose

Molte sono le ricette gastronomiche che vedono i mitili come protagonisti. Se ne segnalano alcune: in pentola o padella (eventualmente con vino bianco, pepe o altri aromi) insieme ai loro gusci. Come componente di spiedini. Fritti in pastella. Come componente di sughi per condire la pasta, da soli o con altri frutti di mare. Gratinati al forno con pan grattato, prezzemolo, aglio ed olio di oliva.

In pentola con solo pepe e cotte con il coperchio (dopo opportuna pulizia dei gusci e del bisso – il filamento tipo spago che le tiene ancorate). Nel napoletano questa preparazione si chiama “impepata di cozze”, mentre se vi si aggiunge l’aglio e l’olio si chiama “sauté di cozze”. E una nostra vecchia ricetta: la pasta cozze e pecorino.

La ricetta dell’aperitivo di cozze gratinate

Oggi proponiamo una ricetta de La Cucina Italiana: l’aperitivo di cozze gratinate. Gli ingredienti sono semplici

1 Kg cozze
100 g pangrattato
100 g formaggio pecorino grattugiato
2 pz spicchi di aglio
origano secco
prezzemolo tritato
sale
olio extravergine di oliva
volendo, un po’ di pepe nero

Preparazione

Pulite le cozze e fatele aprire in una casseruola con 1 spicchio di aglio; eliminate i gusci vuoti e filtrate il liquido di cottura attraverso un colino foderato con carta da cucina.

Amalgamate il pangrattato, il formaggio pecorino, 1 spicchio di aglio tritato, una manciatina di origano secco e un bel cucchiaio di prezzemolo tritato, ottenendo il ripieno. Regolate di sale, se serve.

Adagiate le cozze su una teglia, cospargetele con il ripieno, conditele con un filo di olio e qualche cucchiaio del loro liquido di cottura e infornatele a 200 °C in modalità grill per 4-5 minuti. Come vino con le cozze gratinate consigliamo un bianco fermo, secco, leggero. Perfetti lo Chardonnay o un Pinot Grigio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.