Ode alla pasta cozze e pecorino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Se vediamo un nostro commensale aggiungere del formaggio grattugiato su un primo a base di pesce tendiamo a inorridire. E' una reazione normale, vista l'apparente inconciliabilità dei due ingredenti: deciso nel sapore l'uno (il formaggio), più delicato e già saporito di suo l'altro (il pesce). Ma le preclusioni mentali non vanno d'accordo con la cucina, che è arte fantasiosa in grado di mettere insieme cibi fra loro profondamente diversi. Nulla (o quasi) è impossibile tra i fornelli, l'importante è trovare il giusto equilibrio tra sapori. La pasta cozze e pecorino parte proprio da quest'ultimo assunto per dirci che, sì, ogni matrimonio è fattibile, anche quello fra il “piccante” formaggio tipico del centro Italia e il dolce mollusco, “re” di antipasti e primi di mare.

Ingredienti (per 4 persone)

Vermicelli numero 8 (anche spaghetti o tonnarelli all'uovo vanno bene) 300 g

Pomodorini – 200 g

Pecorino romano – 200 g

Olio extravergine d'oliva – 4 cucchiai

Spicchi d'aglio – 2

Peperoncino – secondo il vostro gusto

Prezzemolo – 1 ciuffo

Cozze – 400 g

Preparazione

Facciamo una premessa: pasta cozze e pecorino può essere anche un piatto di “recupero“. Nel senso (e ve lo consigliamo) che per realizzarla potete usare anche i molluschi avanzati (se sufficienti) di un precedente soutè o di un 'impepata. Detto questo passiamo ai dettagli di questa sfiziosa, e semplicissima, ricetta. Fate scaldare l'olio, l'aglio e il peperoncino in una padella. Quanto l'aglio avrà raggiunto la doratura rimuoverlo dal soffritto, abbassare la fiamma e aggiungere i pomodorini precedentemente affettati. Attendere che i pomodori siano leggeremente appassiti e aggiungere le cozze. Se usate cozze crude mettetele intere, se invece usate il residuo del soutè o dell'impepata vi consigliamo di inserirle sgusciate e di aggiungere un paio di cucchiai del brodetto. Coprite. Nel frattempo cuocete la pasta. A cottura del sugo ultimata spegnete il fornello. Scolate la pasta un minuto prima che sia al dente. Fate saltare in padella per il minuto residuo e, successivamente, prima di servire, spolverate con il pecorino e mescolate. Impiattate, guarnite con il prezzemolo tritato e buon appetito. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.