Covid, stretta in Piemonte: lezioni alternate e stop ai centri commerciali nel weekend

Il governatore Cirio annuncia un'ordinanza su mall e movida: "Ma farmacie e alimentari resteranno aperti"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14

Dopo Lombardia e Campania, anche il Piemonte dispone nuove strette. Non il coprifuoco e nemmeno un lockdown parziale ma misure mirate che serviranno ad arginare le occasioni di contagio in tutto il territorio piemontese. Si comincia con la scuola, che applicherà la soluzione della didattica alternata alle superiori, come suggerito dal governo. Nuova disposizione che verrà adottata da lunedì prossimo e che vedrà gli studenti partecipare sia a lezioni in presenza che da casa, a intervalli regolari. Le classi seconde, terze, quarte e quinte si alterneranno sulla base di questo schema che durerà per il momento fino al 13 novembre. Esclusi, almeno per il momento, i ragazzi delle classi prime.

Piemonte, centri commerciali chiusi

Stretta in arrivo anche per il settore commerciale, più nello specifico per gli shopping center più grandi. Secondo le disposizioni al vaglio della Regione, nei fine settimana verrà decretata la chiusura dei centri commerciali, ovvero nelle giornate di massimo assembramento all’interno. Resteranno aperti alimentari e farmacie. Disposizione in arrivo anche per le zone maggiormente frequentate dai giovani: si valuta il contingentamento degli ingressi nelle aree più vissute dalla movida.

Cirio: “Aperte farmacie e alimentari”

Maggiori indicazioni dovrebbero comunque arrivare a breve, visto che la firma al nuovo decreto regionale potrebbe essere posta già in serata. Come spiegato ai microfoni di La7 dal governatore del Piemonte, Alberto Cirio, si va “verso valutazioni che pongono delle restrizioni che riguarderanno per il nostro Piemonte i centri commerciali. Entro questa sera firmerò un’ordinanza che chiude i centri commerciali sabato e domenica su tutto il territorio regionale e che quindi tiene aperta solo la parte alimentare e le farmacie, i generi di prima necessità”. Anche sulle restrizioni alle zone della movida si valuta la permanenza della regolare attività per gli esercizi delle aree interessate. Una combinazione con le nuove restrizioni che il Piemonte dovrà risolvere entro breve.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.