Coronavirus, Zingaretti: obbligo della mascherina all’aperto da domani

Multa a chi non lo rispetta e intanto il Tar annulla l'ordinanza sull'obbligo del vaccino per gli over65

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:09
obbligo mascherina

Schizzano i contagi per Covid 19 in Italia: sono 2.548 nelle ultime 24 ore, un cifra che non si verificava da oltre cinque mesi. Numero record di tamponi (118.236) e aumento anche delle vittime: 24, contro le 16 del precedente rilevamento.

Obbligo della mascherina nel Lazio

“Da domani scatterà in tutto il territorio regionale l’obbligo della mascherina. Chi violerà questa regola verrà sottoposto alla multa prevista”. Così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nel corso di una conferenza stampa allo Spallanzani.”É una importante strumento di prevenzione – ha aggiunto – Non prevediamo alcuna forma di contenimento sugli orari dei negozi, locali e pub“.

Attiviamo progetto pilota di testing nelle scuole. Inizieremo da martedì in due istituti comprensivi”. Così l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato nel corso di una conferenza stampa allo Spallanzani.

Zingaretti, comprati un milione di test salivari

“É una novità molto rilevante. Abbiamo acquistato un milione test salivari che, essendo meno invasivi, consentono di iniziare la prossima settimana dalle scuole con bambini più piccoli mentre alle superiori continuano i tamponi rapidi”. Così il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti in una conferenza stampa allo Spallanzani.

Vincenzo De Luca già da una settimana ha imposto l‘obbligo delle mascherina anche all’aperto. Ma non è bastato, ad oggi la Regione ha limitato, di molto, la movida notturna imponendo il divieto di alcolici dopo le ore 22 a meno che non siano in un locale con posti a sedere e distanziamento sociale (secondo norme già stabilite da tempo) nonché bloccato feste pubbliche e private fino ad un massimo di 20 persone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.