VENERDÌ 10 GENNAIO 2020, 004:14, IN TERRIS

USA

I dem arginano Trump sull'Iran

La Camera vota una risoluzione che limita i poteri di guerra del presidente ma la palla ora passa al Senato repubblicano

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Capitol Hill
Capitol Hill
H

a provocato reazioni contrastanti il discorso alla Nazione di Donald Trump che, se da una parte ha giustificato il raid contro Soleimani etichettando il generale come il maggiore terrorista mondiale, dall'altra ha lanciato un ambivalente messaggio all'Iran, mettendo una pietra sopra all'accordo sul nucleare (e alla corsa di Teheran alla atomica) ma anche invitando gli avversari a mettere da parte i rancori e le ambizioni per sedersi al tavolo della pace. Spiragli di apertura che non hanno convinto, né l'Iran né tantomeno la Camera dei Rappresentanti guidata dai rivali democratici che, in fretta e furia, fa passare una risoluzione per limitare i poteri di guerra del presidente, l'Iran War Powers, approvata con 224 voti favorevoli e trasmessa al Senato, dove l'ok è comunque tutt'altro che scontato vista la maggioranza repubblicana.


La risoluzione

In sostanza, con la risoluzione approvata (la quale non necessita della firma presidenziale) la Camera intende rivedere i poteri presidenziali in fatto di operazioni militari, di fatto sollevandolo in parte dalle facoltà decisionali in luogo di un confronto più dettagliato con il Congresso. Una mossa che Trump ha definito ridicola, augurandosi già alla vigilia del voto "che tutti i repubblicani della Camera votino contro la risoluzione dei poteri di guerra di Crazy Nancy Pelosi". Un tweet al quale ne sono seguiti altri, in cui il presidente prendeva atto della decisione della prima parte del Congresso ma con la consapevolezza che la Camera alta andrà verosimilmente a mettere un freno all'iniziativa dei democratici il cui obiettivo, a ogni modo, è di rivedere esclusivamente le facoltà presidenziali in relazione al dossier Iran ritenendolo - tenendo conto delle normative contenute nel War Power Act del 1973 - un caso di diversa accezione rispetto ai precedenti. Un punto sul quale Trump è tutt'altro che d'accordo: "Il presidente ha il diritto e il dovere di proteggere il Paese e i cittadini dal terrorismo" ha fatto sapere la Casa Bianca, ribadendo che la decisione di uccidere Soleimani è stata nell'interesse degli Stati Uniti e della Comunità internazionale. Implicitamente, anche questo lo deciderà il Senato.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...
Il cantiere navale di Taranto
TARANTO

Tangenti per appalti della Marina Militare: 12 arresti

Il totale degli importi relativi alle gare veniva equamente diviso fra gli indagati
Rifugiati siriani in un punto di raccolta degli approvvigionamenti - Foto © The New York Times
EMERGENZA UMANITARIA

In Siria i profughi stanno vivendo la fine del mondo

Da dicembre in 900mila hanno lasciato le case per i bombardamenti. Procedono i negoziati
SOLIDARIETÀ

Pet therapy per l'oncologia pediatrica

Sulla Collina degli Elfi, in provincia di Cuneo, gli animali regalano un sorriso ai bambini malati di tumore. Ora una raccolta...
Il luogo della deflagrazione
CATANIA

Bomba davanti a un distributore, morto il ladro

Il giovane, non identificato, era assieme a un complice che è fuggito
EMERGENZA RAZZISMO

"La strage xenofoba di Hanau nasce dall'ignoranza della storia e dall'odio"

Intervista a Interris.it del vescovo Enrico dal Covolo, Assessore del Pontificio Comitato di Scienze Storiche
Il luogo della strage
GERMANIA

Strage di Hanau: 11 morti. Il cordoglio della Merkel

Il killer è un estremista di destra, Tobias R: "Alcuni popoli vanno annientati". Uccisa anche la madre
La disinfezione delle strade
CORONAVIRUS

Cina: "Gli sforzi per il controllo dell'epidemia stanno funzionando"

Morti due passeggeri della Diamond Princess. Scoperta "l'untrice" della Corea del Sud
Prostituzione minorile
AUDIZIONE

Roma: 31 procedimenti per prostituzione minorile

La pm Monteleone: "In aumeno i reati di pedopornografia e molestie sessuali"
Sandra Sabatini
RIMINI

Il 14 giugno la beatificazione di Sandra Sabattini

Alla Fiera di Rimini per ospitare tutti i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII