Cei contro l’emarginazione, lo spopolamento e la crisi economica

Aree interne: Benevento, il 30 e il 31 agosto incontro dei vescovi per un rilancio di queste zone on difficoltà. Appello dell'arcivescovo Accrocca,: "Pensare insieme un progetto globale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Sud

L’impegno della Cei contro l’emarginazione. Lo spopolamento. La crisi economica. Nell’urgenza di “avviare un confronto comune“. Per “elaborare un piano di rilancio pastorale”. Nelle “aree interne” del Paese sempre più in difficoltà. È questo l’obiettivo dell’incontro in programma a Benevento il 30 e il 31 agosto. Su iniziativa dell’arcivescovo di Benevento, monsignor Felice Accrocca.Cei

Cei e Mezzogiorno

L’appuntamento della Cei vsi svolgerà la prossima settimana nel capoluogo sannita. Al centro “La Pace”. E riunirà più di venti vescovi. Provenienti dalle diocesi di Piemonte. Umbria. Lazio. Abruzzo. Molise. Campania. Puglia. Basilicata. Calabria. L’evento si pone nel solco del cammino intrapreso due anni fa dai vescovi della metropolia di Benevento. Con il documento “Mezzanotte del Mezzogiorno? Lettera agli amministratori”. Nel quale si metteva a fuoco un’ emergenza sociale. E cioè il persistente e grave ritardo nello sviluppo delle “aree interne”. E si chiedeva un progetto che privilegiasse l’interesse comune. Il percorso è stato scandito da successive tappe. E sono stati coinvolti anche Papa Francesco . E il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Cei
Mons. Stefano Russo, Segretario Generale della Cei

Sguardo profetico

L’incontro dei vescovi delle “aree interne” è l’occasione per dare continuità e concretezza a quanto fatto finora. A partire da un’analisi lucida della situazione in atto. Ma con uno sguardo profetico e lungimirante. I lavori saranno aperti da monsignor Stefano Russo. Segretario generale della Cei. E vedranno nella mattinata del 30 agosto gli interventi dei vescovi presenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.