La musica come integrazione. Torna l’Orchestra di Piazza Vittorio

Uno show dedicato al ballo, al ritmo e alla musica che supera i generi, gli stili e le nazioni, per raccontare la storia di un'utopia diventata realtà: è questo "Dancefloor" il nuovo concerto del progetto socio-musicale dell'Esquilino. L'integrazione in note

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Integrazione

Integrazione in note. Torna l’Orchestra di Piazza Vittorio. Nata nel 2002 sulla spinta di artisti. Intellettuali. E operatori culturali. Con la volontà di valorizzare l’omonima Piazza dell’Esquilino di Roma. Per antonomasia il rione multietnico della capitale.
Oggi, attraverso la Fondazione Cultura e Arte, diventa possibile una serie di progetti. Come la ricerca di nuovi musicisti. Lo studio di repertori tradizionali. La creazione e la produzione di nuove musiche originali. L’approfondimento delle relazioni con le comunità d’immigrati. E con le strutture di accoglienza attive in Italia. Gli interventi laboratoriali nelle scuole.Integrazione

Integrazione in note

Uno show dedicato al ballo. Al ritmo. Alla musica. Per superare i generi. Gli stili. Le nazioni. In modo da raccontare la storia di un’utopia diventata realtà. E’ questo “Dancefloor“. Il nuovo concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio. Il debutto è avvenuto lunedì sera a Città di Castello. In piazza delle Tabacchine. Nell’ambito del 54° Festival delle Nazioni. L’Orchestra di Piazza Vittorio è un ensemble multietnico. Unico nel panorama mondiale. Ideato nel 2002 da Mario Tronco con un obiettivo originale. Creare un’orchestra stabile. Formata da musicisti provenienti da diversi Paesi e culture.Integrazione

Formazione stabile

Questa esperienza, dunque, è partita dal quartiere dell’Esquilino di Roma. E sono trascorsi quasi vent’anni. “Dancefloor” passa in rassegna questo percorso. Attraverso le tappe della storia di un gruppo. Nel frattempo diventato una formazione stabile. E ormai rodatissima. Che inizia dalla musica tradizionale. Mischiandola e intingendola. Con rock. Pop. Reggae. E musica classica. Il risultato è quello di portare in giro, per i palchi e i teatri del mondo, generi e sonorità. Per lo più sconosciute al grande pubblico. Padova

Vent’anni di integrazione

Il nuovo spettacolo è un ritorno alle origini dell’Orchestra. In cui la musica, il ritmo e il ballo sono di nuovo gli unici protagonisti. Si comincia con i paesaggi sonori dell’album “Isola di legno”. Ibrido che accosta il folk al jazz. Le tablas agli archi. I tamburi ai fiati. E alle composizioni originali in primissima esecuzione. Tutto ciò fa parte del nuovo disco in uscita in autunno. Come da tradizione dell’ensemble, la scaletta della serata è un viaggio tra Paesi. Culture. E linguaggi. Integrazione

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.