Sabato nella terra dei fuochi la conferenza nazionale Cei sull’ambiente, la salute e il lavoro

Un segno di speranza nella terra dei fuochi. Il 17 aprile ad Acerra è in programma la conferenza nazionale Cei "Custodire le nostre terre. Salute, ambiente, lavoro". Oggi la presentazione ai mass media

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Cei

Il convegno Cei viene presentato oggi ai mass media. Sabato, poi, si svolgerà la riflessione. Online. Su ambiente, salute e lavoro. Vi parteciperanno vescovi e rappresentanti di 78 diocesi della penisola. Un’ occasione per approfondire l’impatto della mancata cura del creato sulla salute della popolazione. Sull’ambiente. E sulle dinamiche sociali e lavorative.Cei

Iniziativa Cei

L’obiettivo dell’iniziativa Cei è sensibilizzare le diocesi italiane. Per uno sguardo più attento e profetico alla custodia del creato. A sei anni dall’enciclica “Laudato sì” di Papa Francesco sulla cura della casa comune. Le promotrici del convegno nazionale sono la Cei e la Chiesa di Acerra (Napoli), Il titolo è “Custodire le nostre terre. Salute, ambiente, lavoro”.

Fenomeno diffuso

L’appuntamento è sabato ad Acerra. Vi prenderanno parte il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei ed arcivescovo di Perugia. Monsignor Antonio di Donna, vescovo di Acerra e presidente della Conferenza episcopale campana. Monsignor Carlo Maria Redaelli, arcivescovo di Gorizia e presidente della Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute. Monsignor Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto. E presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace.  “Terra dei fuochi – afferma monsignor Di Donna – non è un luogo. Ma un fenomeno vasto e diffuso“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.