Tragedia a Chiampo: 25enne spara e uccide i genitori

Il figlio della coppia sessantenne ha recuperato illegalmente una pistola e ha ucciso i genitori prima di ansare a costituirsi dai carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:53

Un ragazzo di 25 anni, ha sparato con una pistola recuperata illegalmente  al padre e alla madre, rientrata a casa in un secondo momento, uccidendoli. Subito dopo si è andato a costituire nella caserma dei carabinieri di Vicenza.

Questa la prima ricostruzione della tragedia familiare riportata dal Corriere avvenuta martedì sera a Chiampo, 12 mila abitanti a 30 chilometri da Vicenza, in un’abitazione di via Villaggio Marmi. I corpi senza vita dei coniugi sessantenni, di cui sono state fornite per il momento solo le iniziali, S. G. e L. Z., sono stati rinvenuti dai militari attorno alle 22 di ieri.

Il movente del duplice delitto di Chiampo

Per aprire la porta dell’abitazione hanno chiamato i vigili del fuoco. A Chiampo sono arrivati anche i militari del nucleo investigativo di Vicenza e gli specialisti della Scientifica, che hanno effettuato rilievi nell’abitazione per recuperare elementi utili a ricostruire l’accaduto, in particolare impronte. Il medico legale è stato chiamato ad effettuare i primi accertamenti esterni sui corpi, in attesa che venga eseguita l’autopsia.

Del duplice delitto è stato informato il pubblico ministero di turno, Barbara De Munari, che ha aperto un’inchiesta e che sta coordinando le indagini. Arrestato, il venticinquenne si trova ora in carcere a Vicenza e nei prossimi giorni verrà interrogato dal giudice. A quanto pare, ad armare il giovane reo confesso sarebbero state questioni di soldi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.