Russia, Navalny ricoverato in ospedale per difficoltà respiratorie

Navalny: "Ho 38 di febbre e tossisco, nella mia squadra di detenzione ci sono tre malati di tubercolosi su 15 persone, il 20% dei reclusi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:30

Nuovi problemi di salute per Alexey Navalny, il principe degli oppositori del presidente russo Vladimir Putin, dopo il presunto avvelenamento della scorsa estate. Navalny è stato trasferito dal carcere ad una struttura medica carceraria perché affetto da “difficoltà respiratoria“. Lo scrive il giornale russo Izvestia, citato anche da altri media, che aggiunge che Navalny è stato anche sottoposto a tampone per verificare un’eventuale infezione da Covid-19.

“Ho 38 di febbre e tossisco, nella mia squadra di detenzione ci sono tre malati di tubercolosi su 15 persone, ovvero il 20% dei reclusi”, aveva denunciato Navalny su Instagram. “Io naturalmente continuo lo sciopero della fame, per veder rispettato il mio diritto di essere visitato da medici di mia fiducia”, ha aggiunto. Navalny era stato arrestato all’aeroporto di Mosca lo scorso 18 gennaio per poi essere trasferito – come detenuto – in una colonia penale nella regione di Vladimir, in Russia.

Sondaggio: per il 48% dei russi la condanna a Navalny è giusta

Poco meno della metà dei russi ritiene che l’oppositore Alexei Navalny sia stato giustamente imprigionato per aver violato la libertà condizionata mentre era in cura all’estero in seguito al suo avvelenamento. L’istituto demoscopico Levada Center ha detto che il 48% degli intervistati russi considera giusta la condanna di Navalny a due anni e mezzo in una delle colonie penali più dure del Paese. Solo il 29% degli intervistati ha definito il verdetto di Navalny ingiusto, secondo i risultati del sondaggio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.