“Partenze e arrivi” sulla Stazione Spaziale orbitante

Due nuove spedizioni arriveranno il 9 e il 22 Aprile, mentre rientreranno sulla Terra i membri della navetta Crew-1

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:15

Sarà un mese di aprile 2021 movimentato per la Stazione Spaziale, con due equipaggi pronti a raggiungerla il 9 e il 22.

Il primo è quello della navetta russa Soyuz MS-18, e il secondo arriverà a bordo della capsula americana Crew Dragon della SpaceX, sulla quale vola per la prima volta un astronauta europeo, il francese Thomas Pesquet. Sono sette in totale gli astronauti e cosmonauti che si preparano a raggiungere la Stazione orbitante: daranno il cambio ai sette attuali abitanti di questo avamposto dell’umanità nello spazio, che rientreranno a Terra, nelle steppe del Kazakistan e a largo della Florida, rispettivamente il 17 e 28 aprile.

L’equipaggio della navetta Soyuz atteso il 9 aprile è formato dall’ingegnere di volo russo, Pyotr Dubrov, dal comandante russo Oleg Novitskiy, e dall’astronauta della Nasa, Mark Vande Hei. I membri dell’equipaggio della capsula SpaceX Crew-2 sono, invece, oltre al francese Thomas Pesquet, gli americani Megan McArthur e la comandante Shane Kimbrough, e il giapponese, Akihiko Hoshide.

Come si svolgeranno partenze e arrivi

I preparativi per questo andirivieni sono già iniziati a bordo della Stazione Spaziale. Il primo passo sarà il trasferimento della navetta Crew-1, denominata ‘Resilienza‘, in un nuovo porto di attracco sulla Stazione Spaziale. Lascerà il posto all’arrivo della nuova capsula SpaceX Crew-2. Tutto l’equipaggio della navetta americana, lanciata lo scorso 15 novembre 2020, parteciperà alla manovra perché, se dovesse fallire l’attracco alla nuova porta della Stazione orbitante, saranno così pronti a rientrare a Terra.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.