Carabiniere ferito: si costituisce uno dei due rapinatori, è un 16enne

Si è costituito uno dei due rapinatori fuggiti dopo aver accoltellato il carabiniere Maurizio Sabbatino, il brigadiere fuori servizio che ha tentato di sventare una rapina in una farmacia di Torino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:35
Carabinieri
Foto © Pixabay

Si è costituito uno dei due rapinatori fuggiti dopo aver accoltellato il carabiniere Maurizio Sabbatino, il brigadiere fuori servizio che ha tentato di sventare una rapina in una farmacia di Torino la scorsa notte.

Si tratta di un 16enne che, forse a causa della pressione investigativa su tutta la provincia, ha deciso di presentarsi al commissariato di polizia Madonna di Campagna. Sottoposto a fermo, i carabinieri proseguono le ricerche del complice.

La dinamica del ferimento

Il brigadiere, in servizio presso la compagnia Oltre Dora, fuori servizio nella farmacia per acquistare alcuni medicinali, è intervenuto per impedire un tentativo di rapina nel negozio ed è stato ferito da due coltellate al torace, una delle quali avrebbe interessato un polmone, e da un fendente a una gamba. Ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco, dove in nottata è giunto anche il comandante provinciale, il generale Claudio Lunardo, è stato intubato.

Lo Russo: “Eroico carabiniere”

“È un fatto gravissimo. Chiederò al comandante provinciale dell’Arma aggiornamenti sulla salute dell’eroico carabiniere, intervenuto con grande spirito di servizio anche se non operativo. Un grande ringraziamento all’Arma dei Carabinieri è mi auguro che il brigadiere possa rimettersi presto”, ha dichiarato il sindaco di Torino Stefano Lo Russo. “Esprimo la piena solidarietà all’Arma dei Carabinieri e la mia profonda vicinanza al brigadiere ferito”, ha aggiunto il primo cittadino

Cirio: “La notizia ci riempie di tristezza”

“Questa notizia ci riempie di tristezza”, aveva commentato ieri sera la notizia dell’accoltellamento il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. “Ci stringiamo alla famiglia del brigadiere che, pur essendo fuori servizio, non ha esitato a mettere la propria vita in pericolo per sventare una rapina. Speriamo con tutto il cuore che le sue condizioni migliorino”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.