VENERDÌ 23 AGOSTO 2019, 12:59, IN TERRIS

IL DATO

Boom di aggressioni nei Pronto soccorso

La dottoressa picchiata a Napoli è l'ultima di migliaia di vittime in servizio. L'allarme dei sindacati dei medici

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Aggressione
Aggressione
L'

aggressione alla dottoressa al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco è solo l'ultimo caso di violenze sui medici in in servizio negli ospedali italiani. Il medico stava svolgendo una consulenza chirurgica, quando è stata aggredita e percossa, riportando un trauma facciale e la rottura del naso, con una prognosi di 30 giorni. La dottoressa aveva invitato le parenti del paziente che stava visitando ad attendere fuori dalla stanza. Le aggressioni in sanità sono un'emergenza nazionale. A Roma e Udine si allestiscono corsi di autodifesa per medici e infermieri e a Palermo il personale reclama la vigilanza dell’esercito. In due strutture sanitarie italiane su tre si verificano aggressioni fisiche. Grava il sovraffollamento: il problema è nazionale e da Roma in giù la situazione è da allarme rosso perché "la frustrazione dei pazienti aumenta laddove ci sono più carenze di personale e posti letto", spiegano gli ordini dei medici. In Italia due medici su tre vengono aggrediti. Il 65% dei camici bianchi (sondaggio Anaao-Assomed) è stato vittima di aggressioni: per il 66,19% verbali, per il 33,81% fisiche. L’emergenza riguarda soprattutto il Sud: violenze nei Reparti (72,1%) e nei Pronto Soccorso (80,2%). Di mese in mese le rilevazioni presentano un quadro a tinte più fosche. A risentirne maggiormente sono le dottoresse. 


Le mancate denunce

Nei Pronto soccorso su mille pazienti un terzo è in attesa di ricovero e la metà del personale in servizio deve trascurare le emergenze per assistere i malati sulle barelle (-24% di posti letto in un decennio). L’80% degli ospedali ha il pronto soccorso: in totale 12 mila medici e 25 mila infermieri. I tempi di attesa, l’abuso di alcol, la dipendenza dalle droghe e i disturbi mentali scatenano comportamenti violenti. In aumento il numero di episodi di violenza al Pronto soccorso. Crescono, ma di meno, quelli ai Sert, ambulatori psichiatrici, servizi geriatrici. Il 90% degli infermieri riferiscono di essere stati aggrediti fisicamente o verbalmente o di aver assistito ad aggressioni nei confronti di colleghi. Il 35% del personale sanitario ha subito atti di violenza fisica e il 52% ne è stata testimone. Il 31% degli aggrediti ha avuto bisogno di cure mediche, con prognosi nel 30% dei casi dai 5 a 15 giorni. Nel 90% degli episodi gli operatori sanitari non denunciano la violenza subita (verbale o fisica).


Un fenomeno sottostimato

Negli Usa, su 5 milioni di operatori sanitari, le aggressioni fisiche sono 2637 all’anno, cioè 8,3 ogni 100 mila lavoratori ospedalieri. In Italia in un anno sono 1200 le violenze denunciate ma sono solo una piccola parte delle aggressioni effettive. A Roma 4 Pronto soccorso senza un posto fisso di polizia (Santo Spirito, Oftalmico, San Filippo Neri, Cto), 5 con presidi di pubblica sicurezza di 6 ore quotidiane (Sant’Eugenio, San Giovanni, Pertini, San Camillo, Sant’Andrea), 2 con sorveglianza della polizia dalle 8 alle 20 (Umberto I, Policlinico Tor Vergata), uno con la sola vigilanza privata (Ospedale Grassi di Ostia). Ad alzare le mani o il tono della voce sono i pazienti in fila (50% dei casi), i parenti (21%), parenti e paziente insieme (11%), altri accompagnatori (10%), utenti generici del Pronto soccorso (8%).


Le code

Il segretario Smi, Pina Onotri descrive un "effetto moltiplicatore" e cioè "tagli di personale al Pronto soccorso, servizi meno accessibili, insoddisfazione crescente dei pazienti, forze dell’ordine sotto organico e più malati psichiatrici senza assistenza". Lei stessa, in servizio alla Guardia medica, si è vista scagliare contro un vaso di fiori da una donna in preda a una crisi nervosa. Maggiore è l’affollamento al Pronto soccorso, più frequenti sono le aggressioni in sanità. Dalle 4 alle 5 ore in coda per la visita in codice bianco o verde e, nelle grandi città, attese fino a 60 ore per un ricovero. A Roma, in una giornata media, su 144 pazienti al Policlinico Casilino, 40 sono in attesa di un posto letto, all’Umberto I 49 su 124, al Gemelli su 49 sono 128, al San Camillo-Forlanini, 50 su 143.


Escalation

Di mese in mese le rilevazioni presentano un quadro a tinte più fosche. Secondo l’indagine della Società di medicina di emergenza e d’urgenza, nel 63% dei Pronto soccorso si è verificato nell’ultimo anno un episodio di violenza. Per fermare l’escalation di violenze in ospedale, i sindacati dei camici bianchi hanno appena consegnato 35 mila firme alla commissione Sanità del Senato con un pacchetto di proposte che include "la trasformazione dell’operatore sanitario in pubblico ufficiale" e "le sanzioni per le Asl che non garantiscono la sorveglianza nei servizi psichiatrici e negli avamposti del 118".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
MILANO

Scontro bus-camion rifiuti: una donna in coma

Indaga la polizia locale, forse il mancato rispetto della precendeza all'origine dello schianto
La bandiera italiana sventola sul Palazzo del Quirinale, 30 maggio 2018 - Foto © Tony Gentile per Reuters

Italia senza previsioni

Il rapporto del CENSIS, la Fondazione presieduta dal sociologo cattolico Giuseppe De Rita, ha messo, come di consueto,...
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...

Adulti rottamati

Si tende a guardare il mondo dei giovani da parte degli adulti come se questi non fossero mai stati giovani. Se...
Il Papa riceve Joseph e Michelle Muscat in udienza privata nel giugno 2013 - Foto © Clifton Fenech per DOI
SANTA SEDE

Il Papa domani riceve Muscat

La visita del premier maltese sarà in forma strettamente privata.
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Cristiani filippini in preghiera
FILIPPINE

Anno pastorale: "Ecumenismo, dialogo interreligioso e popoli indigeni"

Vescovi: "La Chiesa esorta i fedeli a collaborare con persone di altre religioni e culture per la pace"
Alluvioni e fiumi in piena in Burundi
METEO

Il maltempo mette in ginocchio il Burundi: già 28 morti

Nove Paesi dell'Africa orientale stanno subendo gli effetti delle piogge con frane e alluvioni
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica