Quando il mercurio diventa un pericolo per la salute umana

L'inquinamento intacca la parte più profonda dell'oceano: la Fossa delle Marianne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:23

L’inquinamento procurato dall’uomo ha varie forme, ma un unico comune denominatore: il danno alla salute umana. Tra le forme di inquinamento più pericolose c’è quello del mare e proprio una recente ricerca ha dimostrato che il mercurio generato dalle attività umane ha raggiunto il punto più profondo degli oceani. Questa volta una percentuale di mercurio è arrivata nella Fossa delle Marianne, entrando nella catena alimentare di uno degli ecosistemi marini più remoti del Pianeta: lo dimostrano le tracce del metallo tossico trovate nei pesci e nei crostacei da due ricerche indipendenti, presentate alla Conferenza Goldschmidt dall’università cinese di Tientsin e dall’università del Michigan. Il rischio più grande è che questo pesce possa arrivare poi sulle tavole, rovinando anche la salute delle persone che lo mangiano.

Gli studi scientifici

“É stata una sorpresa”, ammette il ricercatore Ruoyu Sun. Studi precedenti avevano infatti concluso che il metilmercurio (forma tossica del mercurio che si accumula facilmente nell’organismo degli animali marini) viene prodotto entro le prime centinaia di metri dalla superficie dell’oceano: si pensava che questo ne avrebbe limitato il bioaccumulo, facendo sì che i pesci che si alimentano in profondità avessero meno probabilità di ingerirlo. Dopo i risultati del nuovo studio, però, “non crediamo più che sia davvero così”, sottolinea Sun.

Dove si deposita il mercurio

“Sappiamo che questo mercurio dall’atmosfera si deposita sulla superficie dell’oceano e viene poi trasportato in profondità sia sotto forma di piccole particelle sia all’interno delle carcasse di pesci e mammiferi marini che vanno a picco”, spiega lo statunitense Joel Blum. “Lo abbiamo scoperto esaminando gli isotopi del mercurio, che dimostrano come quello ritrovato sul fondale sia compatibile con quello presente nei pesci che vivono a 400-600 metri di profondità nel Pacifico centrale. Parte di questo mercurio – continua il ricercatore – è di origine naturale”, prodotto per esempio da eruzioni vulcaniche o incendi boschivi, “ma è probabile che gran parte derivi da attività umane” come la combustione di petrolio e carbone e l’attività estrattiva.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.