Covid: al via terapia antivirale con silenziamento genico

Sviluppata una terapia antivirale che in laboratorio ha soppresso del 99,9% il carico infettivo del Covid 19 in topi infettati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:46

Ricercatori australiani, con la collaborazione di colleghi Usa, hanno sviluppato una terapia antivirale che in laboratorio ha soppresso del 99,9% il carico infettivo del Covid 19 in topi infettati, usando una tecnologia di silenziamento genico.

La ricerca del Menzies Institute e dell’istituto di ricerca City of Hope in Usa è pubblicata su Molecular Therapy. Il responsabile della ricerca, Nigel McMillan, direttore del programma di immunologia e malattie infettive del Menzies Institute, la descrive come una “missione scova e distruggi”, in cui la terapia prende di mira geneticamente il virus.

La tecnologia di silenziamento genico RNA

nello specifico – spiega Ansa – usa una tecnologia di silenziamento genico RNA per attaccare direttamente il genoma, fermando così la diffusione del virus. “Causa la distruzione del genoma e il virus non può più riprodursi. Iniettiamo le nanoparticelle che cercano e trovano il virus e lo distruggono, come missili a ricerca termica”, scrive.

Le nanoparticelle attraverso il flusso sanguigno raggiungono le cellule polmonari e distruggono solo quelle infettate dal virus, mentre le cellule normali non subiscono alcun danno dal trattamento. Benché “non sia una cura”, sottolinea McMillan, è una terapia che può ridurre la quantità del virus nei polmoni del 99,9“.

“E’ specificamente adatta per quei pazienti che soffrono ad esempio in terapia intensiva, per i quali è troppo tardi per il vaccino. Mentre questa terapia impedisce al virus di replicarsi, l’organismo può ripararsi e il recupero può essere più rapido”. Il trattamento potrebbe essere disponibile già all’inizio del 2023, secondo l’esito della prossima fase di sperimentazioni cliniche.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.