Per i più golosi ecco il rotolo alla Nutella. Nel cuore, un po’ di Piemonte

La Nutella venne preparata per la prima volta nel 1964 dall'industria dolciaria piemontese Ferrero di Alba (in provincia di Cuneo)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10
Rotolo alla nutella

A quanti amano il dolce, oggi proponiamo una ricetta che più dolce non si può: il rotolo alla Nutella! Intere generazioni di bambini (vecchi e nuovi) sono cresciuti mangiando la crema di gianduia spalmabile contenente cacao e nocciole più famosa al mondo. Venne preparata per la prima volta nel 1964 dall’industria dolciaria piemontese Ferrero di Alba (in provincia di Cuneo). Da più di 50 anni è presente nelle tavole di milioni di italiani. Forse non tutti sanno che la Nutella é la crema spalmabile più venduta al mondo, con una produzione di 365.000 tonnellate l’anno. La ricetta di oggi porta dunque un po’ di Piemonte in ogni angolo del Globo.

Ingredienti per un rotolo alla Nutella

3 uova intere
100 gr zucchero
100 gr farina
2 cucchiaini di lievito
Nutella per farcire

Procedimento

Montate molto bene le uova con lo zucchero, aggiungete la farina e il lievito. Mettete il composto nella leccarda del forno coperta con carta forno. Cuocete in forno già caldo a 180 gradi per circa 10/15 minuti. Appena cotto, staccatelo dalla carta forno e arrotolatelo in un’altro foglio di carta. Fatelo raffreddare. Una volta freddo, aprite il rotolo con delicatezza e farcitelo con la Nutella. Arrotolate di nuovo il tutto e spolverizzate la parte superiore con abbondante zucchero a velo. Golosi di tutto il mondo: buon appetito!

Una curiosità

Una storica campagna pubblicitaria, pubblicata dal 1979 al 1984 su Topolino e Il giornalino, accostava la Nutella a foto di 12 bambini provenienti da varie parti del mondo. La frase “Nutella è buona” veniva riportata nelle 12 lingue dei bimbi. Per chi non se le ricordasse tutte, ecco qui l’elenco completo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.