Incendio a London Bridge: la situazione

Il nucleo investigativo dei pompieri avvierà un'indagine per comprendere la causa dell'incendio che è divampato in un parcheggio sotterraneo di Southwark

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:14

Un incendio è divampato a Southwark causando l’evacuazione delle linee ferroviaria da e per London Bridge. Evacuati anche alcuni edifici.

Le immagini pubblicate sui social

Nelle immagini pubblicate sui Twitter si vede una colonna di fumo nero salire dal luogo dell’incendio. Si pensa che le fiamme siano divampate in un parcheggio sotto il ponte ferroviario di Southwark, dove diverse auto elettriche sarebbero in fiamme. La London Fire Brigade è intervenuta con 10 autopompe e circa 70 vigili del fuoco. Entrambe le stazioni di Southwark e London Bridge – dove passa la metropolitana ma anche le linee ferroviarie – sono chiuse. E’ stata transennata la zona compresa tra America Street e Great Suffolk Street e i residenti sono stati invitati a tenere chiuse le porte e le finestre.

Incendio sotto controllo

L’incendio, al momento, sarebbe sotto controllo, secondo quanto si legge sul profilo Twitter del sindaco di Londra, Sadiq Khan, che ritwitta un post dei vigili del fuoco. “Al momento non ci sono segnalazioni di feriti”, affermano. Il nucleo investigativo dei pompieri avvierà un’indagine per comprendere la causa dell’incendio. Al di là dei momenti di iniziale paura, l’incendio ha causato più che altro disagi a causa del blocco delle strade nella zona e la chiusura di quattro linee ferroviarie, mentre è stata in parte sospesa anche la linea Jubilee della metropolitana. In base alle ricostruzione dei media, l’incendio sarebbe iniziato da due vetture elettriche parcheggiate in prossimità della linea ferroviaria con conseguente innalzamento di una colonna di fumo che investito i treni di passaggio nella zona e alcuni edifici circostanti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.