Funerali Willy, l’omelia del vescovo: “Gesù insegnò a dare la vita per gli amici”

L'appello "La morte barbara ed ingiusta di Willy non cada nell’oblio, impegniamoci tutti in patto educativo a trecentosessanta gradi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:11
Mons. Mauro Parmeggiani, vescovo di Tivoli e di Palestrina

“Da domenica tante parole sono state dette e scritte su un fatto esecrabile che stamane ci vede riuniti insieme e per il quale il nostro cuore è profondamente scosso”. Esordisce così mons. Mauro Parmeggiani, vescovo di Tivoli e di Palestrina, che questa mattina ha presieduto al campo sportivo di Paliano (Fr) le esequie di Willy Monteiro Duarte, ucciso a Colleferro nel corso di una rissa la notte tra il 5 e il 6 settembre scorsi.

L’omelia

Mons. Parmeggiani ricorda l’esperienza di fede del giovane, “che gli è stata trasmessa dalla sua cara famiglia, dalla sua parrocchia di Paliano e che ha illuminato ed orientato quella vita bella che si esprimeva in un sorriso dolce e gioioso, nell’impegno serio sul lavoro, nella passione per lo sport ma senza fanatismi di sorta, nel rispetto per gli altri”.

Fede, aggiunge, che lo ha portato “nella notte tra sabato e domenica scorsa, a intervenire a favore di un amico per sedare una lite e conseguentemente a perdere la vita in quella forma grande che Gesù ci ha insegnato nel Vangelo: ‘Non c’è amore più grande di questo: dare la vita per gli amici!’”.

Conformarsi a Gesù

Il presule definisce poi Willy Monteiro “giovane uomo giusto e mite”, che con la sua vita ha cercato di conformarsi a Gesù, che ha salvato l’uomo “non con la forza dei muscoli ma donando la propria vita sulla croce”. È necessario “rimanere in silenzio davanti al mistero della morte di un giovane – prosegue il vescovo – che ci lascia un grande insegnamento, che non vorrei cadesse come troppo spesso accade nell’oblio”, ossia che senza Dio “non c’è sorriso nel cuore e sul volto, non c’è amore per l’altro, non c’è vera carità, non c’è rispetto per l’uomo”.

“Una vita senza la Verità con la ‘V’ maiuscola, anche se è rivestita di apparente forza in realtà è debolissima ed in balia del nulla che si maschera dietro al culto del corpo, della forza, dello sballo, dell’indifferenza, della superficialità”, aggiunge, riportato dal Sir.

Perdono

Il richiamo a chi ha ucciso il giovane torna quando il presule afferma: “Chiediamo a Dio anche la forza per saper un giorno perdonare chi ha compiuto l’irreparabile”, perché “percorrano un cammino di rieducazione secondo quanto la giustizia vorrà disporre ed in luoghi – come ad esempio le carceri – che devono essere sempre più ambienti di autentica riabilitazione dell’umano“.

Infine, se “gli italiani e le italiane di buona volontà hanno sentito Willy come uno di famiglia”, il vescovo di Tivoli e Palestrina lancia un appello a istituzioni civili, famiglie, scuola, Chiesa e media: “Perché la morte barbara ed ingiusta di Willy non cada nell’oblio impegniamoci tutti a riallacciare un patto educativo a trecentosessanta gradi” e a tirar fuori dal cuore dell’uomo ciò che in esso Dio ha posto di bene, di bello, di buono, di giusto”.

“Dio perdoni tutti noi che davanti a questa bara ci sentiamo sconfitti perché non abbiamo saputo puntare, per l’ennesima volta, sull’Unico che salva”, ha concluso l’omelia mons. Parmeggiani.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.