La fede attraverso l’arte: nuova pagina YouTube del Vicariato di Roma

Nasce Romartecultura, un canale con documentari sull’arte che ha segnato la fede e la cultura nella storia della città eterna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Vicariato

La fede attraverso l’arte. Il taglio sarà narrativo. La guida è affidata a monsignor Andrea Lonardo. Direttore dell’Ufficio per la cultura e l’università. Con l’intervento di storici dell’arte, musicisti e attori. Insieme aiuteranno il visitatore al pieno coinvolgimento nello spirito delle opere che si andranno ad approfondire”.

Vicariato on line

Nasce “Romartecultura”, una nuova pagina YouTube. A cura della diocesi di Roma. Destinata alla pubblicazione di documentari sulle opere d’arte che hanno segnato la fede e la cultura nella storia della città eterna. Si parte subito, riferisce il Sir, con una serie di sei video su Caravaggio. Verranno pubblicati a frequenza mensile. In occasione dei suoi 450 anni dalla nascita. Mercoledì prossimo sarà la volta delle tele della Cappella Contarelli a san Luigi dei Francesi. Per proseguire il mese prossimo con la basilica di Santa Maria della Scala. Protagonista del rifiuto del dipinto sulla morte della Vergine. Oggi esposto al museo del Louvre di Parigi.

Progetto

Il progetto è promosso dall’Ufficio per l’università e la cultura. E dall’Ufficio per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport del Vicariato di Roma. “Si tratta di una sorta di pellegrinaggio che permetterà di poter percorrere un itinerario trasversale tra le chiese del centro. Per una riflessione che prenderà spunto dalle opere e dalla vita degli autori più conosciuti dell’epoca rinascimentale e moderna della nostra città”, sottolinea don Francesco Indelicato. Direttore dell’Ufficio per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.