L’Afghanistan non partecipa al dibattito all’Assemblea generale Onu

Ha ritirato il suo intervento l'attuale ambasciatore di quel Paese alle Nazioni unite, avrebbe chiesto di parlare il nuovo ministro degli esteri talebano. Anche la Birmania ha ritirato la sua partecipazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:21

L’Afghanistan non parlerà nella giornata conclusiva della settantaseiesima Assemblea generale delle Nazioni unite. Era previsto l’intervento dell’ambasciatore nominato dall’ex presidente Ghani, che i talebani intenderebbero sostituire. Cancellato dalla lista degli interventi anche quello della Birmania.

Afghanistan

La portavoce del presidente dell’Assemblea Generale Monica Grayley ha confermato il ritiro dell’intervento afghano, che doveva essere tenuto dall’ambasciatore all’Onu di quel Paese Ghulam Isaczai: “Abbiamo ricevuto informazioni che lo Stato membro ha ritirato la sua partecipazione al dibattito, prevista per oggi”. Isaczai era stato nominato dall’ex presidente, mentre adesso il nuovo ministro degli Esteri talebano Amir Khan Muttaqi, oltre ad aver nominato nuovo rappresentante, avrebbe chiesto di essere lui a intervenire nel dibattito in Assemblea generale.

Birmania

Salta anche l’intervento dell’attuale ambasciatore birmano Kyaw Moe Tun, nominato dal governo di Aung San Suu Kyi che lo scorso febbraio le forze armate hanno rovesciato con un colpo di Stato. I militari hanno proposto di sostituire Tun con il veterano Aung Thurein, mentre lui avrebbe chiesto il rinnovo dell’incarico. Secondo alcune fonti diplomatiche, Stati Uniti, Cina e Russia – che fanno parte della commissione di nove membri che valuta le credenziali, nominata all’inizio di ogni sessione dell’Assemblea Generale e che generalmente non si riunisce fino a ottobre o novembre – avrebbero raggiunto un accordo in base al quale Pechino e Mosca non si oppongono alla permanenza, per il momento, di Kyaw Moe Tun all’Onu,  a patto che non parli durante la settimana di alto livello.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.