Eitan, cosa ha deciso il Tribunale della famiglia di Tel Aviv

E' stato accolto il ricorso della zia paterna del bambino, sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, che ne chiedeva il rientro in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

La giudice Iris Ilutovich Segal del Tribunale della famiglia di Tel Aviv ha stabilito che Eitan, il bambino unico superstite della tragedia del Mottarone dello scorso 23 maggio, deve tornare in Italia dove c’è la sua residenza abituale, scrive Ansa citando fonti legali. La sentenza ha accolto il ricorso di Aya Biran, la zia paterna del piccolo e sua affidataria legale, che chiedeva il rientro del bambino in Italia in base alla Convenzione dell’Aja sulla sottrazione internazionale di minori. Eitan era era stato portato in aereo, senza permesso, in Israele lo scorso settembre dal nonno materno del piccolo, Shmuel Peleg. La famiglia Peleg, tramite il suo portavoce, ha annunciato di voler ricorrere contro la sentenza.

La sentenza

“Il Tribunale non ha accolto la tesi del nonno che Israele è il luogo normale di vita del minore né la tesi che abbia due luoghi di abitazione“, così recita la sentenza che impone il rientro di Eitan in Italia. Parlando con i suoi legali italiani, Aya Biran ha espresso “grande gioia” per il verdetto.

La famiglia Peleg

“La famiglia è determinata a continuare la battaglia in ogni modo possibile nell’interesse di Eitan, il suo benessere e il diritto a crescere in Israele come i suoi genitori si augurano”, fa sapere la famiglia Peleg, attraverso il suo portavoce Gadi Solomon.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.