Eitan: arrestato a Cipro l’uomo che aiutò nonno Peleg a rapire il bimbo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:40
Eitan Biran e il nonno Shmuel Peleg

E’ stato arrestato a Limisso, nell’isola di Cipro in cui risulta risiedere, Gabriel Abutbul Alon, l’uomo accusato di aver aiutato il nonno Shmuel Peleg a rapire Eitan Biran dopo averlo prelevato, durante uno degli incontri periodici autorizzati dal tribunale, in casa della zia paterna. Lo riporta il Corriere della Sera.

Alon era inseguito da un mandato di arresto europeo (Mae) attivato dal procuratore aggiunto di Pavia Mario Venditti e dal pm Valentina De Stefano per il sequestro del piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla strage del Mottarone. La polizia cipriota ha semplicemente seguito le tracce del suo telefonino.

Alon è sospettato, come scrive il Corriere della Sera, di aver fatto parte di un’agenzia americana di contractor impegnati in teatri di guerra come Iraq ed Afghanistan ed abituati a muoversi con le tecniche più sofisticate di copertura e anonimato.

Dall’Italia in Israele

Secondo le indagini, l’11 settembre scorso Alon aiutò Shmuel Peleg, ex militare israeliano di 58 anni, a rapire Eitan dopo averlo prelevato, durante uno degli incontri periodici autorizzati dal tribunale, in casa della zia paterna, Aya Biran, che lo aveva in affidamento dall’incidente del 23 maggio delle funivia del Mottarone, in cui il piccolo perse i genitori (la madre era figlia di Peleg), il fratellino di 2 anni e un bisnonno.

Il bambino fu portato in auto in Svizzera e da lì in Israele a bordo di un aereo privato noleggiato nei giorni precedenti da Alon per 46 mila euro, che nel tardo pomeriggio atterrò a Tel Aviv. Appena due giorni dopo il rapimento, su richiesta dei pm, il gip Pasquale Villani emise un’ordinanza di custodia nei loro confronti alla quale seguì il Mae per Alon, che con questa procedura potrebbe presto tornare in Italia, e un mandato di cattura internazionale per Peleg che, però, è poco probabile venga mai eseguito dalle autorità di Tel Aviv.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.