Ricoverato a Washington il Patriarca di Costantinopoli

Bartolomeo I, 30 anni a capo dell'ortodossia: "Ho fatto quello che ho potuto, è il Signore che cura la sua vigna"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Bartolomeo

30 anni da patriarca ecumenico, alla guida della chiesa ortodossa. Bartolomeo I, massima autorità spirituale della chiesa ortodossa nel mondo, è stato ricoverato per motivi “precauzionali” a Washington. Nel primo giorno della sua visita negli Stati Uniti. L’arcidiocesi greco-ortodossa d’America comunica che il patriarca, 81 anni, resterà in “osservazione” al Washington University Hospital. E qui dove trascorrerà la notte. Bartolomeo ha avuto un lieve malore poco prima di celebrare messa alla Cattedrale di Santa Sofia. Nella capitale americana. “A causa del lungo volo e del programma pieno di appuntamenti al suo arrivo”, spiega l’arcidiocesi. Il patriarca ecumenico era giunto nelle scorse ore negli Usa. Dove ha in programma una visita di 12 giorni. Tra gli appuntamenti nella sua agenda è previsto anche un incontro con il presidente Joe Biden.

patriarca
Papa Francesco e Bartolomeo I (Fonte: Vatican News)

Patriarca “green”

Con papa Francesco il patriarca di Costantinopoli condivide l’impegno per l’ecumenismo e la difesa del Creato. Nel 30° anniversario alla guida dell’ortodossia, Bartolomeo ha descritto  la sua missione da “primus inter pares” tra i Primati delle Chiese ortodosse. “Come servitori di Cristo e amministratori dei sacramenti di Dio preghiamo di poter fare tutto il possibile. Per la stabilità e la crescita della Chiesa. Per la custodia del tesoro. Per la fedele continuità della Tradizione. E per il rafforzamento del Santo Sinodo. Lo Spirito Santo opera costantemente. In tutti i tempi. E fa emergere persone sante e santi, di tutti gli ordini. Persone che adornano, aiutano e sostengono i fratelli cristiani e tutta la Chiesa”. Perciò  “invochiamo semplicemente la misericordia del Signore. E diciamo: ‘Signore, come vuoi. Se vuoi. E per tutto il tempo che vuoi‘”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.