Bombardamenti russi su Kharkiv, otto vittime. Scontri alla periferia di Severodonetsk

Tra cui un bambino di cinque mesi. Lo ha dichiarato su Facebook il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:07
Guerra
Kiev 15/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: palazzo distrutto ONLY ITALY

Nel novantaduesimo giorno di guerra in Ucraina sale ancora il numero delle vittime civili. l numero totale delle persone uccise negli attacchi odierni nella città nord-orientale di Kharkiv è salito a otto, incluso un bambino di cinque mesi, ha dichiarato su Facebook il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko. Altri quattro civili sono stati uccisi nella regione orientale di Donetsk, ha aggiunto il governatore regionale. E due sono morti nella regione meridionale di Mykolayiv, dove le infrastrutture civili, inclusi un negozio e edifici residenziali, sono state danneggiate dai bombardamenti russi, ha affermato il comando militare regionale.

Severdonetsk

“Pesanti combattimenti continuano alla periferia di Severodonetsk. Il nemico sta cercando di irrompere nella città. Il centro regionale viene distrutto dall’artiglieria e dagli aerei“, lo ha confermato stasera il governatore Serhiy Gaidai, secondo cui gli ucraini si stanno difendendo nelle zone di Zolotyi e Katerynivka. “L’autostrada Lysychansk-Bakhmut è costantemente sotto il fuoco nemico, muoversi è pericoloso”, ha aggiunto.

Donetsk

Almeno altri cinque civili sono rimasti uccisi durante i bombardamenti compiuti oggi dalla Russia nella regione di Donetsk, ha riferito il governatore Pavlo Kyrylenko, precisando che due sono state le vittime a Maryinka, due a Lyman e una a Zora. Lo riporta l’agenzia d’informazione ucraina Ukrinfrom.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.