Bollettino Covid: 6.596 nuovi casi, 21 decessi

Cala dell'1% il tasso di occupazione delle terapie intensive da parte dei pazienti Covid nelle Marche, in Sicilia e nella Provincia autonoma di Bolzano, mentre cresce in Puglia. Oltre 33 milioni di over12 hanno completato il ciclo vaccinale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:27

Quasi tutte le Regioni italiane, tranne una, sono sotto la soglia del 4% di occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti Covid. Aumentano ancora i nuovi casi di positività al Covid individuati nelle ultime 24 ore nel nostro Paese, mentre il numero di dosi di vaccini contro il Covid somministrate supera i 69,5 milioni.

I numeri del bollettino

I nuovi casi di contagio da Covid sono 6.596, rispetto ai 4.845 di ieri, i decessi 21. I tamponi sono 215.748, circa seimila più del giorno precedente, e il tasso di positività è al 3,1%. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del Ministero della Salute sulla diffusione del Coronavirus in Italia.

Campagna vaccinale

Alle 06:09 di oggi sono 69.663.243 le dosi di vaccino inoculate,  il 97,1% delle 71.894.468 dosi finora consegnate.

Nel dettaglio, si tratta di 49.632.900 dosi di Pfizer/BioNTech, 11.965.328 di AstraZeneca, 8.286.648 di Moderna e 2.009.592 di Johnson & Johnson.

Sono 33.183.256 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale, il 61,44% della popolazione dai 12 anni in su.

I dati di Agenas

Secondo il monitoraggio dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, il tasso di occupazione delle terapie intensiva da parte di persone affette da Covid è stabile al 3% a livello nazionale, con quasi tutte le Regioni al di sotto del 4%. Una sola cresce di un punto percentuale rispetto alla giornata precedente, la Puglia, mentre sempre di un punto calano Marche, Sicilia e Provincia autonoma di Bolzano. La Sardegna è l’unica Regione al 10%, la soglia di saturazione che rientra tra i parametri per il cambio di colore delle Regioni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.