Corea del Nord, il segretario di Stato Tillerson: “Gli ultimi lanci sono una provocazione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:18

“Il lancio di missili balistici , di qualsiasi tipo, è una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu, noi pensiamo si tratti di una provocazione contro gli Usa e i nostri alleati”. E’ quanto ha dichiarato il segretario di Stato americano Rex Tillerson, durante un’intervista alla Fox dove ha commentato gli ultimi lanci di missili effettuati dal regime della Corea del Nord. Secondo Tillerson, questi continui test e provocazioni indicano che Pyongyang “non è ancora pronta a dialogare”. Il segretario di Stato, inoltre, ha sottolineato che l’intenzione degli Usa è quella di convincere il regime di Kim Jong-Un a sedersi al tavolo dei negoziati.

Gli ultimi test missilistici di Pyongyang

Il regime di Pyongyang ha lanciato sabato mattina (la notte tra venerdì e sabato in Europa, ndr), tre missili balistici a corto raggio, tornando così a sfidare gli Stati Uniti, impegnati fino al prossimo 31 agosto nelle esercitazioni congiunte con la Corea del Sud. Secondo quanto riferito dal Pentagono, i tre missili a corto raggio sarebbero stati lanciati dalla provincia nordcoreana di Gangwon. La corea del Sud ha riferito che due missili hanno percorso 250 chilometri prima di inabissarsi nel mar del Giappone, mentre Washington ha affermato che il terzo missile è esploso poco dopo il lancio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.