Pirata della strada ubriaco investe e uccide un passante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:33

La sera di sabato 17 agosto un uomo di nazionalità ucraina di 37 anni alla guida bordo di Suv ha travolto e ucciso un passante, poi ha proseguito la sua corsa senza fermarsi per prestare soccorso. Quando alcune ore dopo i carabinieri lo hanno rintracciato è risultato positivo al test dell’etilometro. Dalle prime ricostruzioni era emerso che l’uomo investito fosse a passeggio con il figlio di sei anni, che invece era a casa con la madre.

Troppo veloce

Alle 20:30 di sabato a Pinetamare, vicino Castel Volturno, in provincia di Caserta, Giorgio Galiero, commerciante di 34 anni, stava percorrendo via delle Acacie, sembra per andare in un locale dove acquistare la cena da asporto per sua la famiglia. Secondo i carabinieri, la macchina lo ha colpito mentre stava attraversando la strada. Per i militari la vettura, un Suv Bmw con targa straniera, è arrivata ad alta velocità, ha sbandato perdendo il controllo e così ha investito l’uomo, per poi darsi alla fuga. Galiero è morto sul colpo, all’arrivo degli operatori del 118 chiamati dai testimoni non c’era più nulla da fare. Dai primi racconti dei presenti sembrava che Galiero fosse a passeggio con alcuni parenti e il figlio, invece era da solo. Grazie alla immagini telecamere di sorveglianza dei negozi della zona, i carabinieri sono risaliti alla macchina coinvolta nell’incidente. Così hanno rintracciato l’uomo alla guida del Suv intorno alle 2. Un 37enne di nazionalità ucraina, Girniak M., che è stato trovato con tasso alcolemico oltre i limiti. L’uomo, scrive il Corriere della Sera, è residente a Licola, vicino Pozzuoli, ed è fidanzato con una ragazza di Castel Volturno. La sua macchina sarebbe stata trovata sotto l’abitazione della donna. I militari lo hanno portato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dovrà rispondere di omicidio stradale aggravato dall’omissione di soccorso.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.