Meteo: dopo il Messico, l’uragano Agatha flagella Cuba

Le forti piogge dell'uragano Agatha, che ha colpito Cuba in queste ore, hanno già causato la morte di almeno tre persone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:36
L'uragano Agatha a Cuba

Le forti piogge legate al passaggio dell’uragano Agatha, che ha colpito la capitale cubana e diverse province, hanno causato la morte di almeno tre persone. Sono invece migliaia gli abitanti sono rimasti senza elettricità.

“Due morti, migliaia di sfollati e blackout per forti piogge a L’Avana”, riporta su Twitter il quotidiano locale Impacto Latino. Nel suo passaggio, Agatha aveva già colpito il Messico causando la morte di 11 persone e circa 33 dispersi.

La tre vittime

Un uomo di 44 anni è stato trovato morto nella provincia occidentale di Pinar del Rio dopo essere caduto in un ruscello. Gli altri due decessi sono avvenuti nella provincia dell’Avana. Nella città vecchia della capitale si sono registrati alcuni crolli di edifici.

Paura anche in Usa: la tempesta tropicale infatti minaccia anche gli Stati Uniti. I venti massimi sono aumentati durante la notte. L’Istituto di meteorologia cubano ha segnalato precipitazioni superiori a 200 millimetri e il fronte si avvicina alla Florida.

Florida in pericolo

La Florida è lo Stato americano più colpito dagli uragani degli Stati Uniti. L’elenco degli uragani della Florida comprende circa 500 cicloni tropicali o subtropicali. Dal 1851 sono trascorse solo diciotto stagioni di uragani senza che una tempesta abbia colpito lo Stato.

Complessivamente, i cicloni hanno provocato oltre 10.000 morti, la maggior parte dei quali prima del 1943. Inoltre, il costo economico delle tempeste è stato di oltre 216,1 miliardi di dollari di danni. I peggiori sono stati principalmente: l’uragano Andrew, l’uragano Irma e l’uragano Michael, rispettivamente nel 1992, 2017 e 2018.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.