Maltempo: sale il bilancio dei morti nelle Filippine, disastro anche in Brasile

E' salito a 388 morti il bilancio del tifone Rai che ha colpito le Filippine. Il governo mette in guardia contro rischio malattie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:27

E’ salito ad almeno 388 morti il bilancio del tifone Rai che ha colpito le regioni centro-meridionali delle Filippine il 16 e il 17 dicembre scorsi: lo ha reso noto oggi la Protezione Civile del Paese, sottolineando che ad oggi i dispersi sono 60.

Attualmente, hanno precisato le autorità, oltre quattro milioni di abitanti in 430 città ricevono aiuti a causa del tifone, che ha distrutto o danneggiato circa 482mila abitazioni. Il governo ha inoltre messo in guardia contro il rischio di malattie nelle zone colpite legato alle precarie condizioni igienico sanitarie: finora almeno 140 persone si sono ammalate a causa di una sospetta contaminazione dell’acqua potabile.

In Brasile le forti piogge uccidono 18 persone

Da un estremo all’altro del Pianeta, i problemi legati la maltempo sono simili. E’ infatti salito a 18 morti il bilancio delle alluvioni provocate da piogge torrenziali in Brasile, dove 58 Comuni sono in emergenza e 35 mila persone hanno dovuto lasciare le proprie case. L’ultima vittima è un uomo di 60 anni annegato in un fiume nel comune meridionale di Aurelino Leal.

Oltre a questi 18 morti, si contano due dispersi, 19.580 sfollati e 16.001 in cerca di un rifugio, che portano a circa 35.000 il numero delle persone che hanno lasciato le proprie case, secondo la Protezione Civile di Bahia. Nel frattempo, 286 persone sono rimaste ferite a novembre per il maltempo. In totale, le persone in qualche modo toccate dalle eccezionali condizioni meteo sono 430.869.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.