Egitto: al via la campagna di sensibilizzazione contro le mutilazioni genitali femminili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

La Chiesa copta ortodossa si appresta a lanciare tra i suoi fedeli una intensa campagna di sensibilizzazione contro la pratica dell’infibulazione e delle mutilazioni genitali femminili, che continua a essere diffusa anche tra i cristiani copti in diverse aree dell’Alto Egitto.

La campagna

La campagna – voluta personalmente dal Patriarca Tawadros II – utilizzerà vari strumenti di sensibilizzazione, compresi dei cartelli di messa in guardia contro l’infibulazione che saranno posti in prossimità dei locali delle chiese in cui viene amministrato il battesimo. Ma il Patriarca e i Vescovi copti contano soprattutto di far crescere tra i fedeli la consapevolezza critica nei confronti di tale prassi attraverso i corsi di preparazione al matrimonio e alcuni incontri di sensibilizzazione rivolti alle coppie di coniugi.

L’infibulazione

L’infibulazione consiste nell’asportazione della clitoride, delle piccole labbra, di parte delle grandi labbra vaginali con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro per permettere la fuoriuscita dell’urina e del sangue mestruale.

Costume tribale

Le origini storiche di questa dannosissima pratica sono legate all’antico Egitto. Sebbene non sia in nessuna sua parte richiesta dal Corano, l’infibulazione è però una pratica che si può riscontrare in alcuni paesi, in tutto o in parte islamici (essenzialmente la parte meridionale dell’Egitto, Sudan, Somalia, Eritrea, Senegal, Guinea), dove viene consigliata come sistema ritenuto utile a mantenere intatta l’illibatezza della donna. E, pur vietata anche dalla Chiesa copta, sopravvive nelle comunità cristiane quale retaggio di costumi tribali precedenti l’inizio della predicazione apostolica. Si calcola che in Egitto ancora oggi tra l’85% e il 95% delle donne l’abbia subita. Fonte: Agenzia Fides.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.