Cresce il numero di alberi nel pianeta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

Rispetto a trentasei anni fa, nel mondo ci sono più alberi. Il dato potrebbe sorprendere: l'aumento è del 7,1%, ci sono 2,24 milioni di km quadrati in più, un'area pari a Texas ed Alaska messi insieme. La deforestazione nelle aree tropicali – come riporta l'Ansa – è stata superata dall'ampliamento delle foreste nei Paesi temperati di America, Europa e Asia (dovuta all'abbandono delle colture), dalla crescita di alberi nelle zone polari (a causa del riscaldamento globale), e dai piani di riforestazione in Cina. E poi sono aumentati gli alberi nelle zone montane, segno anche questo di temperature in crescita. A sostenerlo è uno studio dell'Università del Maryland, basato su foto satellitari e pubblicato dalla rivista Nature. La copertura mondiale di alberi, nei 35 anni dal 1982 al 2016, secondo la ricerca è aumentata da 31 a 33 milioni di km quadrati. L'aumento maggiore si è verificato nelle foreste temperate continentali (+726.000 km quadrati), foreste boreali di conifere (+463.000 km2), foreste umide subtropicali (+280.000 km2), Russia (+790.000 km2), Cina (+324.000 km2) e Usa (+301.000 km2). Il riscaldamento globale ha fatto espandere le foreste nelle zone polari. Dove c'era la tundra, ora crescono gli alberi. Le zone montane hanno visto ugualmente ampliarsi la copertura di boschi, a causa delle temperature in salita e dello spopolamento. Le zone tropicali nello stesso periodo hanno subito le perdite di alberi maggiori: le foreste umide tropicali (-373.000 km2), le foreste pluviali tropicali (-332.000 km2) e le foreste secche tropicali (-184.000 km2). Il Brasile è il Paese che ha visto sparire più superficie alberata, -399.000 km2, più di Canada, Russia, Argentina e Paraguay messi assieme. Del resto, si stima che dal 1970 il 19% della foresta amazzonica è andata perduta. Ma complessivamente, questa riduzione degli alberi nei Paesi caldi è stata compensata e superata dall'aumento nei Paesi temperati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.