Autismo, in viaggio attraverso l’aeroporto. Un progetto contro le barriere

All'aeroporto di Alghero un percorso per persone con autismo Adesione al progetto Enac da parte della Sogeaal

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06
autismo

Autismo oltre le barriere. Sono molteplici le attività di inclusione dell’Enac. L’Ente nazionale per l’aviazione civile si occupa, per mandato istituzionale, anche della tutela dei diritti dei passeggeri. E delle persone con disabilità. Nasce così il progetto “Autismo- In viaggio attraverso l’aeroporto“. Ideato dall’Enac. Con lo scopo di facilitare il viaggio aereo alle persone autistiche. Anche l’hub di Alghero aderisce all’iniziativa. Perciò lo scalo sardo ora collabora nel percorso-autismo con Enac. Insieme ad  Assaeroporti. Società di gestione aeroportuale italiane. Associazioni di settore. autismo

Progetto autismo

L’obiettivo del progetto promosso dall’Enac è quello di rendere l’ambiente aeroportuale un luogo accogliente e sereno. Predisponendo, per le persone con autismo ed i loro accompagnatori, un percorso di assistenza. Mirato e dedicato. Per affrontare il viaggio con più tranquillità. Adesso, dunque, il progetto è attivo anche all’aeroporto di Alghero. Dove Sogeaal si è avvalsa del prezioso ausilio dell’associazione “Il mio amico speciale“. Che si occupa dell’inclusione socio-sportiva dei bambini e dei ragazzi con autismo. Attraverso una specifica pagina web sul sito è possibile consultare il materiale. Ossia brochure dedicate agli accompagnatori dei passeggeri autistici. Con suggerimenti per introdurre le persone autistiche al viaggio. Guida sotto forma di “storia sociale” destinata alle persone autistiche. Ciò consente di illustrare in anticipo il percorso attraverso l’aeroporto. Tramite testi e immagini. Riducendo così l’impatto emotivo che la nuova situazione comporta. Un video “ad hoc” permette di visualizzare tutto il percorso che dovrà fare il passeggero autistico. Dall’arrivo in aeroporto fino all’imbarco. Per familiarizzare con l’esperienza di viaggio. Sono disponibili, inoltre, le istruzioni per richiedere una visita dell’aeroporto preparatoria al viaggio. E per prendere confidenza con la struttura.autismo

Diritto di viaggiare

La Sogeaal è la società che gestisce la struttura sarda. “Tutti hanno il diritto di viaggiare. E di viaggiare nel modo migliore”, afferma Alberto Perini. Prosegue l’amministratore delegato di Sogeaal: “Il risultato dipende da noi. Dal nostro impegno personale e quotidiano. E dal costante dialogo con le associazioni del territorio. Per contribuire a fornire un’esperienza di viaggio serena e di qualità. E per far sì che tale diritto si realizzi concretamente”. A illustrare l’iniziativa è il direttore Tutela dei Diritti dei Passeggeri dell’Enac, Mark De Laurentiis. “Con Alghero, aumenta la rete degli aeroporti che hanno aderito all’iniziativa di Enac. Tutto ciò si inserisce nell’ambito delle molteplici attività dell’ente. Finalizzate alla tutela dei diritti dei passeggeri e delle persone con disabilità“.
autismo

Sperimentazione pilota

Il piano è stato avviato attraverso una sperimentazione pilota all’aeroporto di Bari. Con il contributo della Società di Gestione Aeroporti di Puglia. E con l’obiettivo di estendere poi l’iniziativa a tutte le principali realtà aeroportuali tramite ASSAEROPORTI (Associazione Italiana Gestori Aeroporti). L’Enac è tra le prime autorità per l’aviazione civile in Europa ad avviare un progetto specificamente a favore delle persone autistiche. L’iniziativa è finalizzata a fornire alcune semplici raccomandazioni. Rivolte agli accompagnatori per aiutare bambini e adulti autistici ad accettare serenamente il loro viaggio. Permettendo loro di poter visitare anticipatamente la realtà aeroportuale. Attraverso un iter individuato dall’Enac. In coordinamento con le società di gestione.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.