SABATO 12 OTTOBRE 2019, 001:15, IN TERRIS

Ecco perché la Turchia ha invaso la Siria

PAOLO LIGUORI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Militari turchi in Siria
Militari turchi in Siria
D

a diversi giorni ha preso il via l'operazione militare turca denomina "Frontiere di Pace": la Turchia ha dichiarato di aver invaso la Siria e iniziato la lotta contro i curdi per sconfiggere definitavemte l'Isis. Ma cosa c'è dietro a tutto questo? Il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha come obiettivo quello di piegare i curdi e conquistare del terreno sul quale creare dei campi per i profughi siriani che si sono rifugiati nel suo Paese a causa della guerra. Per raggiungere il suo scopo ha anche minacciato l'Europa: "Se mi ostacolate vi mando milioni di profughi". Si tratta di un ricatto bestiale, nel quale le persone vengono usate come un'arma e usando le armi contro i curdi, gli unici ad aver intrapreso una guerra - come si dice "con gli stivali sul terreno" - contro i jihadisti, azione senza la quale, l'Isis non avrebbe mai potuto essere sconfitto. 

Ma c'è un aspetto peggiore: in questo modo Erdogan richiama sotto le sue bandiere, anche l'Islam. In quella regione, i curdi sono gli unici a non professare questa religione, insomma sono circondati. Questa situazione sta bene ai russi; gli americani di Trump, in questo momento, hanno una politica di disimpegno e, alla fine, assentono, come dimostra il voto al consiglio di sicurezza dell'Onu, dove sia Russia che Stati Uniti, hanno concordato nel votare contro una risoluzione anti-Erdogan. L'Europa fa una figura "barbina", tace perché non ha forza. Infatti, non si è mai dotata di una forza di difesa comune che potrebbe scoraggiare situazioni di questo tipo. Ma è anche una vittima, perché contro di lei Erdogan rivolge le sue minacce. Tutto questo senza considerare che l'economia della Turchia è finanziata dall'Europa: questo ricatto il presidente turco lo ha già fatto in passato e ha ottenuto in cambio milioni di euro. 

Ma non sono solo queste le motivazioni che hanno spinto Erdogan a invadere la Siria. Infatti, cerca di ottenere voce in capitolo in quello che in questo momento è un fronteggiamento tra l'Iran e l'Arabia Saudita. Anche in questo caso si tratta di un'anticamera alla guerra. E' andata a fuoco una petroliera iraniana molto vicina al territorio saudita, è ovvio che si tratta di rappresaglie. Ora gli americani sono alleati dell'Arabia Saudita e non so quanto potranno stare fermi. L'Iran, invece, appoggia direttamente la Siria di Assad, anche attraverso gli Hezbollah, che sono una propaggine delle milizie siriane. La Russia ha un vantaggio enorme perchè la Siria, da sempre, è l'unico alleato che gli dà uno sbocco in medio oriente.  

L'Europa deve intervenire, deve farsi sentire in questi frangenti, altrimenti non ha peso. Nel giorno in cui viene assegnato il nobel per la pace al primo ministro Etiope che ha fermato la guerra con gli Eritrei, non si può tollerare che si apra un conflitto contro i curdi, da sempre buoni alleati del nostro Paese. Fin dall'inizio della guerra in Siria per sconfiggere l'Isis, l'Italia si è sempre tirata indietro. Ha fatto solo una mossa: rifornire militarmente i curdi. si tratta di una popolazione molto affidabile che in questo momento è lasciata da sola a fronteggiare la Turchia. Perché? Perché hanno paura delle possibili reazioni del presidente turco e della protezione che alla Turchia viene assicurata e garantita da Russia e Stati Uniti. Erdogan è un dittatore, è pericoloso. I turchi hanno alle spalle un genocidio con gli Armeni e ora si preparano a compiere quello dei curdi. Se si lascia che queste situazioni vadano avanti, c'è il rischio che sfocino in una guerra generale

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Marco
12 Ottobre 2019 @ 15:08
Si, sta bene ma ricordiamo che nel genocidio armeno i curdi sono stati il braccio armato dei turchi. Sono le loro milizie che hanno massacrato gli armeni

Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...
Emergenze a Venezia, Roma e Firenze
MALTEMPO

Da Venezia a Roma: piene, pioggia e vento sull'Italia

Acqua alta a 150 cm nella Serenissima, ora in discesa. A Firenze rischio piena dell'Arno, disagi a Roma e in Alto Adige

La luce di Carlotta

Mi ha colpito molto la descrizione della chiamata di Levi, della chiamata di Zaccheo, fatta da padre Marko...
Sabato e domenica forti piogge
METEOROLOGIA

Allerta rossa in 3 Regioni: domani pioggia e freddo

La Protezione Civile ha diramato l'allerta arancione in altre 8 Regioni e quella gialla sulle restanti
I soccorsi
MILANO

Maxi rissa davanti al McDonald: 30 ragazzi coinvolti

Fermati tre giovani di nazionalità tunisina: un 18enne e due minorenni
MALTEMPO

Non c'è pace per Venezia, nuova allerta per domani

In arrivo 20 milioni di euro per il primo ristoro dei danni
Carabinieri nella fabbrica di Melito
MELITO DI NAPOLI

Tiene segregati 43 operai in nero: arrestato imprenditore

Tra le vittime, tutte italiane, anche una donna incinta e due minorenni
Fulmini in mare
METEOROLOGIA

Dove cadrà il fulmine? Lo (pre)dice l'intelligenza artificiale

L'algoritmo, sviluppato in Svizzera al Politecnico di Losanna, usa solo dati meteorologici
Scontri in Bolivia
AMERICA LATINA

Bolivia, scontri tra polizia e manifestanti: 8 morti

L'appello via Twitter di Evo Morales affinché si metta fine al massacro
Una statua sottratta da una chiesa da parte di alcuni manifestanti per formare una barricata - Foto © Esteban Felix per AP
AMERICA LATINA

Il Cile tra proteste e Chiese profanate

A In Terris la testimonianza di un missionario nel Paese: "La protesta rischia di essere ideologizzata"