Parolin conclude il Giubileo del Duomo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:30

Sarà il Segretario di Stato di Sua Santità, il cardinale Pietro Parolin, a concludere gli eventi celebrativi del 750° anniversario della dedicazione della Basilica Cattedrale di Monreale. Il porporato presiederà la celebrazione eucaristica giovedì 26 alle 17 a cui parteciperanno i vescovi siciliani.

Le manifestazioni erano state aperte da un'altra concelebrazione eucaristica presieduta il 26 aprile 2017 dal cardinale Angelo Bagnasco. “Durante l’anno – afferma in una lettera indirizzata alla diocesi il vicario generale mons. Antonino Dolce – per speciale concessione di Papa Francesco, abbiamo potuto sperimentare la misericordia del Signore attraverso il dono dell’Indulgenza Plenaria del Giubileo; attraverso convegni e celebrazioni, abbiamo avuto modo di cogliere il messaggio artistico, teologico, liturgico e catechetico-mistagogico che il nostro Duomo di Monreale trasmette; soprattutto, attraverso la contemplazione del tempio, dono della munificenza regale di Guglielmo II, ci è stato dato di approfondire il mistero della Chiesa, 'edificio spirituale' il cui fondamento è Cristo 'pietra d’angolo scelta e preziosa' (I Pt 2,6)”. C'è grande attesa per l'evento di giovedì in cui “vivremo questo momento come festa della Comunità diocesana che, stirpe eletta, regale sacerdozio, gente santa, rende grazie al Padre e proclama la potenza di Colui che dalle tenebre l’ha chiamata allo splendore della sua luce (cfr. Messale Romano). Invito le confraternite a partecipare con le proprie insegne e i labari”.

La costruzione del Duomo di Monreale richiese circa 95 anni, dal 1172 al 1267. E' dedicato a S. Maria, in particolare con il titolo della Natività. E' famoso in tutto il mondo per gli splendidi mosaici bizantini che ospita al suo interno e per i quali è stato riconosciuto patrimonio dell'umanità dall'Unesco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.