Oggi l'elevazione a Basilica del santuario mariano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:07

Grande festa oggi, domenica 21 ottobre, a Conflenti, comune calabrese vicino a Lamezia Terme in provincia di Catanzaro. Sono infatti attesi migliaia di pellegrini da tutta la diocesi lametina per la solenne elevazione a basilica minore pontificia del santuario mariano di Conflenti. La santa messa sarà presieduta dal cardinale Robert Sarah,  arcivescovo cattolico guineano nominato il 23 novembre 2014 prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti da Papa Francesco.

La Madonna di Visora

Famoso evento della zona lametina è la celebrazione della Madonna di Visora. La ricorrenza celebra una serie di apparizioni e di miracoli ad opera della Madonna a vari abitanti della città, sfociati nella costruzione di una chiesa nel territorio montano di Conflenti. Secondo gli storici, infatti, la Chiesa fu fatta costruire nella località di Visora, il luogo indicato dalla Vergine Maria quando apparve a Conflenti al pastorello Lorenzo Folino nel giugno 1578.

Da domani la chiesa potrà fregiarsi di un titolo – quello di basilica minore pontificia – che esprime un particolare vincolo di comunione con la Chiesa di Roma e il Papa. Per il vescovo di Lamezia Terme Luigi Cantafora “l'elevazione a Basilica minore del nostro santuario diocesano è un ulteriore segno di attenzione ed affetto paterno di Papa Francesco per la nostra diocesi. Più che un titolo di onore, è un impegno, come deve esserlo per tutte le chiese insignite di questo titolo. Un impegno che va assolto con una vita liturgica e di carità più intense ed esemplari”.

“Il titolo di basilica minore – prosegue mons. Cantafora – viene visto come un modo per sentirsi particolarmente chiamati a farsi portatori del messaggio del Papa. La Vergine Maria faccia crescere tutti noi in quell'amore genuino e nell'appartenenza a Cristo”. Oggi alle 15.30 è prevista l'accoglienza al santuario mariano del cardinale Sarah che alle 16 presiederà la concelebrazione eucaristica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.