Mai tante ingiustizie contro le donne come in pandemia

La pandemia si sta trasformando anche in un'onda infernale di violenza e ingiustizie senza precedenti ai danni delle donne. Un'indagine scientifica documenta un fenomeno sconvolgente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Emergenza violenza e ingiustizie. La pandemia sta aumentando disuguaglianze e vulnerabilità in ambito sociale, politico e nei sistemi economici. Le donne e le ragazze, in particolare, sono sempre più vittime di sistemi ingiusti e discriminatori. Guadagnano meno, risparmiano meno e sono occupate in lavori precari e informali. Spesso condannate a vivere in povertà e sopraffatte da brutali violenze.
Ingiustizie

Sos ingiustizie

A far emergere le ingiustizie inflitte all’altra metà del cielo sono Caritas e Focsiv. Che ricordano la campagna fondi per diversi interventi nelle varie parti del mondo (www.insiemepergliultimi.it). Secondo una recente analisi pubblicata dalla rivista scientifica Lancet Global Health si stima che una riduzione dei servizi per la salute materna, pari al 10-18%, può portare a 12 mila morti in più in sei mesi nei paesi più poveri. Il lavoro di assistenza e cura, in gran parte sulle spalle delle donne, si aggrava. Mentre continua a essere scarsamente retribuito. Le donne devono seguire i bambini che non possono più andare a scuola. Devono offrire assistenza ai più anziani, che sono più colpiti dalla pandemia. Devono tenere unite famiglie divise dalla pandemia. Mentre i servizi sanitari sono sotto pressione e insufficienti.Ingiustizie

Senza aiuti

Le donne nei paesi impoveriti (in Asia, America Latina e Africa) sono lavoratrici fondamentali, nel settore agricolo e nei servizi, per la sussistenza delle famiglie. Ora il blocco delle attività le limita, le porta fuori dal mondo lavorativo e provoca loro forti stress psicologici. Una situazione che già prima della pandemia indicava come fossero le donne coloro che lavorassero di meno nel mondo. Il 94% degli uomini tra i 25 e i 54 anni ha un’occupazione contro il 63% delle donne nella medesima fascia di età. Queste ultime percepiscono uno stipendio minore rispetto a quello dei loro colleghi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.