Quando la tv accarezza i disabili…

Il comico Paolo Ruffini porta in tv "Up&down, un Natale normale"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:34
Natale tv disabili

Tutti sappiamo che quello di quest’anno sarà un Natale diverso. E tutti sappiamo che le misure anticovid ci costringeranno a stare in casa, con l’obiettivo di proteggerci e di limitare al massimo la diffusione dei contagi. Ed allora in molti troveranno compagnia davanti al televisore e la programmazione delle varie reti televisive si sta orientando proprio nella direzione di fare compagnia alle famiglie e a chi rimane in casa, anche da solo.

L’iniziativa

Tra le tante proposte ci piace segnalare l’iniziativa dell’attore comico Paolo Ruffini che già da tre anni porta in Tv, dopo averlo portato in teatro e ad aver pubblicato un libro di successo, il suo format dal titolo “Up&Down” che vede protagonisti sei attori affetti dalla sindrome di Down e da sindrome dello spettro autistico. Saranno loro a fare le loro domande agli ospiti della trasmissione “Up&down – un Natale normale” che andrà in onda in prima serata su Italia 1 proprio il 25 dicembre.

Natale, tv e disabili

Con la formula del talk show, i sei protagonisti intervisteranno personaggi famosi del mondo della tv e dello spettacolo come Ilary Blasi, Alessandra Amoroso, Piero Chiambretti, Giuseppe Cruciani, Antonella Elia, J-Ax, Valeria Marini, Alfonso Signorini, Pupo e tanti altri ancora. Nel format originale di Ruffini entrano di diritto l’attuale emergenza Covid e le regole restrittive che imporranno a tutti un Natale “blindato”. In questi momenti così difficili per tutti, è bello pensare che la televisione possa rivolgersi a chi è è colpito dalla sindrome di Down offrendo a loro e a tutti noi momenti sereni e capacità di sognare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.