“Buon viaggio Gigi” il saluto del mondo politico

"Ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere e ci ha emozionato con la sua espressione artistica" così in una nota del Campidoglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:09

Nelle prime ore del mattino è venuto a mancare all’affetto della sua famiglia Gigi Proietti. Ne danno l’annuncio Sagitta, Susanna e Carlotta. “Nelle prossime ore daremo comunicazione delle esequie”, fanno sapere i parenti.

Gli ultimi momenti di vita dell’artista

Ricoverato da giorni in una clinica romana per accertamenti, era stato colpito ieri da un grave scompenso cardiaco. Da subito le sue condizioni erano apparse molto serie. Proprio oggi Proietti avrebbe compiuto 80 anni. In una carriera lunga oltre 50 anni ha spaziato dal cinema al teatro. Memorabile il successo di “A me gli occhi, please”.

Va via come i grandi nel giorno del compleanno

L’artista è andato via alla soglia dei suoi 80 anni, proprio nel giorno del suo compleanno. Proietti, infatti, era nato a Roma il 2 novembre 1940, appassionato musicista e cantante fin dalla giovinezza, durante l’università si avvicina al teatro sperimentale.

Durante il lockdown della scorsa primavera ha girato un video per la Polizia di Stato per lanciare un messaggio di solidarietà ai nonni d’Italia attraverso la Polizia di Stato.

©MilitaryNewsFromItaly

Il mondo della politica lo sta ricordando con pensieri di affetto sulle pagine dei propri social. “Ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere e ci ha emozionato con la sua espressione artistica. E non finisce di stupire il grande maestro #GigiProietti che ci lascia il giorno del suo compleanno. Il suo saper essere nel mondo dello spettacolo rimarrà indelebile nelle nostre vite”. Così in una nota il Pd del Campidoglio.

©Cinema Indipendente

“Oggi avrebbe compiuto 80 anni. E proprio nel giorno del suo compleanno ci ha lasciati. La morte di Gigi Proietti ci addolora profondamente e scuote un intero Paese, già profondamente colpito”. Lo scrive Luigi Di Maio su Fb. “Un’icona del mondo dello spettacolo, un meraviglioso simbolo della nostra Italia. Lui, che riusciva persino a insospettirsi di fronte a chi non sapesse ridere, era innanzitutto una persona perbene. Un forte abbraccio alla sua famiglia e ai suoi cari. Oggi a piangere è tutto il Paese. Ciao Gigi, ci mancherai”, conclude.

“Nel giorno del suo 80° compleanno ci lascia Gigi Proietti. Attore, regista, drammaturgo, ha raccontato l’Italia per oltre 50 anni. Amava Roma e ne era un simbolo. Un lutto cittadino sarebbe la giusta riconoscenza. Ciao Mandrake”. Così Antonio Tajani ricorda l’attore scomparso.

“Gigi Proietti, artista unico, geniale e straordinario. Oggi ci lascia un pezzo della cultura e della nostra identità nazionale. Da ‘Mandrake’ al ‘Maresciallo Rocca’, in teatro, cinema e tv ha raccontato vizi e virtù dell’Italia. Sempre con il sorriso, che resterà sempre con noi”. Lo scrive in un tweet il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

”Con Gigi Proietti scompare uno dei più grandi maestri del teatro e della comicità italiani, una vera perdita per la nostra cultura cui ha contributo con un’incessante attività sul palco, in tv, al cinema ma anche come docente e scopritore di nuovi talenti”. Lo scrive in un tweet la vice ministra agli Esteri Marina Sereni, che conclude il messaggio con un affettuoso ”Buon viaggio Gigi”

“La scomparsa di Gigi Prooetti addolora tutti gli italiani. E’ stato un artista geniale, istrionico, poliedrico. Ci ha fatto riflettere, divertire, commuovere, sempre con intelligenza, garbo, autoironia. Per questo non lo dimenticheremo mai. Ciao Gigi”. Lo scrive su twitter la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan


“Roma e l’Italia piangono Gigi Proietti, un attore straordinario, colto, intelligente, amato da generazioni e generazioni. Non ti dimenticheremo mai Gigi, e sempre grazie per le risate, le emozioni, le riflessioni con cui ci hai accompagnato #gigiproietti“. Così il segretario Pd Nicola Zingaretti su fb ricorda l’attore scomparso.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.