Covid Europa: in Germania al via oggi il “lockdown leggero”

Crescono i contagi giornalieri in tutta Europa. Secondo l'Oms, tra le 10 Nazioni con il maggior incremento giornaliero, ben 5 sono europee

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:29
Coronavirus in Germania

In Germania inizia da oggi il lockdown leggero o “soft”. Stop a locali, cinema, teatri, palestre. Aperti negozi essenziali, esercizi commerciali quali supermercati, nonché scuole e asili. Vietati pernottamenti in hotel per motivi di svago. Riduzione “al minimo” di tutti i contatti sociali. Le nuove chiusure – decise la settimana scorsa dal governo tedesco insieme ai Länder – sono state pensate al fine di arginare la crescita dei contagi in costante aumento.

“La situazione è molto seria”, aveva detto la cancelliera Angela Merkel dopo la riunione, aggiungendo che “i contagi raddoppiano più velocemente“, ormai ogni 9 o 10 giorni, e che “la dinamica è esponenziale”. La cancelliera ha scandito davanti ai giornalisti che, “di questo passo, entro poche settimane arriveremmo al limite del sistema sanitario“.

La classifica Oms

Crescono infatti i contagi giornalieri in Europa. Secondo i dati dell’Oms aggiornati al 1 novembre, il primo Paese per numero di nuovi positivi giornalieri sono – come sempre – gli Stati Uniti (oltre 99mila): negli Usa, da inizio pandemia, i casi totali sono oltre 9 milioni e 207mila. Le vittime sono più di 230mila, secondo i dati della Johns Hopkins University aggiornati al 2 novembre. Intanto, il presidente Usa Donald Trump minaccia di licenziare Anthony Fauci, il super esperto di malattie infettive, che è spesso stato molto critico verso la Casa Bianca per la gestione della pandemia. Al secondo posto l’India, con più di 46mila contagi in 24 ore e 122mila morti complessivi.

Europa

I dati però evidenziano soprattutto l’escalation dei contagi in Europa con, al terzo posto, la Francia e al quarto l’Italia. Nonostante le misure di lockdown imposte da alcuni giorni, la Francia è al terzo posto al mondo per numero di nuovi casi in 24 ore: l’incremento di nuovi contagi è stato di 32.530 in un giorno. Da inizio pandemia, i contagi totali sono oltre 1 milione e 458mila, mentre le vittime sono più di 37mila

Sempre secondo l’Oms, riportata da SkyTg24, l’Italia è quarta al mondo per nuovi casi: 31.756 in 24 ore. I casi totali sono oltre 709mila e i morti quasi 39mila. Quinto il Brasile. Al sesto posto un’altra nazione del Vecchio Continente: la Gran Bretagna.

Nel Regno Unito registrati 21.915 nuovi contagi giornalieri. In Uk i casi totali sono più di 1 milione e 38mila. I morti quasi 47mila, la cifra più alta d’Europa. L’escalation di casi ha convinto il premier Johnson a varare un lockdown parziale per l’Inghilterra. Inoltre, sembra che anche il principe Williams sia stato contagiato dal virus.

Al settimo posto altro Paese europeo, la Polonia, con 21.897 nuovi contagi in 24 ore. I casi totali arrivano a più di 379mila e i morti sono più di 5.700. La Russia è ottava e la Germania nona. Chiude la triste classifica – che vede 5 nazioni europee sui 10 che hanno rilevato i maggiori incrementi giornalieri di nuovi casi – l’Argentina.

Ghebreyesus in quarantena

l direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha annunciato di essersi messo in auto isolamento dopo essere entrato in contatto con una persona risultata positiva al Covid-19.

Decessi

I morti di Covid-19 in tutto il mondo hanno superato la soglia di 1,2 milioni, secondo l’ultimo conteggio della Afp. In totale, sono stati segnalati almeno 1.200.042 decessi, su 46.452.818 contagi.

Quasi un decesso su cinque si è verificato negli Stati Uniti, che con 230.996 morti è il paese con maggior numero di vittime (con 9.207.364 di contagi). Seguono il Brasile con 160.074 morti e 5.545.705 casi, l’India (122.607 decessi, 8.229.313 casi), il Messico (91.895, 929.392) e il Regno Unito (46.717, 1.034.914).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.