Cofondatrice dell’Università Cattolica, testimone di santità laicale

I prossimi mesi verso la celebrazione di aprile saranno scanditi da iniziative a vari livelli con l’obiettivo di far conoscere la figura e l’opera di Armida Barelli, tra i fondatori dell'ateneo del Sacro Cuore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
santità

La santità testimoniata nella vita quotidiana. Armida Barelli fondò la Gioventù Femminile cattolica milanese. E fu con padre Agostino Gemelli nel gruppo dei fondatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’approssimarsi della Festa di Ognissanti offre l’occasione di un annuncio al comitato per la beatificazione e canonizzazione. Il rito in cui sarà proclamata Beata si svolgerà sabato 30 aprile 2022. Nel Duomo di Milano. E sarà presieduto dal cardinale Marcello Semeraro. Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. In rappresentanza di Papa Francesco. Nella stessa celebrazione verrà beatificato anche il venerabile Mario Ciceri. Sacerdote della diocesi ambrosiana.

Gemelli
Padre Agostino Gemelli

Santità per le giovani

La spiritualità della nuova Beata fu fondamentalmente francescana. Per poi arricchirsi di altri tipi di spiritualità presenti nell’Azione Cattolica. Sulla base della spiritualità battesimale comune a tutti i fedeli. Il comitato per la beatificazione e la canonizzazione è costituito dalle tre realtà che la prossima beata ha contribuito a fondare. Con la sua feconda attività di apostolato. L’Azione Cattolica Italiana (ACI). L’Università Cattolica del Sacro Cuore (UCSC). E l’Istituto secolare delle Missionarie della Regalità di Cristo (ISM).

Riscoperta

L’ISM è impegnato, insieme alla diocesi di Milano e all’Azione Cattolica diocesana, nell’elaborazione di materiali. Utili alla riscoperta di una figura protagonista del suo tempo. Nella prima metà del Novecento. Ma che non smette di sorprendere per la sua modernità. Fino al 9 novembre 2021 è visitabile all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (Largo Gemelli 1, Aula Pio XI) la mostra “Armida Barelli. Nulla sarebbe stato possibile senza di lei”. Realizzata dall’Istituto Toniolo. In collaborazione con l’ateneo. I pannelli della mostra ripropongono alcune tavole della graphic novel dedicata alla cofondatrice dell’Università Cattolica. Ideata dalla giornalista Tiziana Ferrario.cattolica

Azione Cattolica

Al Collegio Marianum (Via San Vittore, 18-Milano) si può visitare la mostra permanente “La voce di Ida. L’impegno di Armida Barelli nelle pagine di “Squilli di Risurrezione”. Realizzata dal Collegio Marianum. In collaborazione con Istituto Toniolo, Alunni Università Cattolica e Università Cattolica del Sacro Cuore. E’ già partita la macchina organizzativa che permetterà la partecipazione al rito di numerosi fedeli. Che, nelle diocesi italiane e di molti Paesi del mondo, guardano ad Armida Barelli come a una grande e originale testimone di santità laicale. Uno spazio dedicato al percorso verso la beatificazione di aprile 2022 è previsto durante il convegno dei presidenti e assistenti unitari diocesani di Azione Cattolica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.